19 Luglio 1992 - 19 Luglio 2009

  1. arianna
    arianna Utente
    Registrato:
    28 Gennaio 2007
    Messaggi:
    56
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Diciassette anni fa, il 19 luglio del 1992, cento chili di tritolo mafioso uccidevano Paolo Borsellino e cinque agenti della sua scorta,

    MA NON CANCELLERANNO MAI

    il ricordo di un uomo coraggioso che aveva intrapreso una strada difficile e tortuosa per realizzare un sogno:

    [​IMG]

    la lotta alla mafia deve essere innanzitutto un movimento culturale che abitui tutti a sentire la bellezza del fresco profumo di libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità.
     

    Files Allegati:

  2. Francesco
    Francesco Utente
    Registrato:
    11 Marzo 2006
    Messaggi:
    269
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    L'indifferenza

    Non e' difficile essere indifferenti il
    19 di Luglio
    ma il mio pensiero su
    Paolo Borsellino
    ....oggi....
    ci e' andato!
     
  3. Francesco
    Francesco Utente
    Registrato:
    11 Marzo 2006
    Messaggi:
    269
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    La liberta' di Borsellino

    Questo e' un pensiero per
    Borsellino
    e la sua
    scorta,
    per quella liberta'
    che cercato ad ogni costo ,
    pagando a
    caro prezzo
    e forse ottenendo in parte,
    qualche sterile
    "risultato"

    [ame]http://www.youtube.com/watch?v=x8dNf9pgKiQ[/ame]​
     
  4. Fino Luigi
    Fino Luigi Member
    Registrato:
    29 Maggio 2008
    Messaggi:
    13
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    giudice Borsellino

    A Palermo ci sono stato per la morte del giudice Borsellino e posso dire che dopo due mesi, si vedevano ancora dei brandelli di carne sui muri del terzo piano del palazzo dove abitava la madre del giudice, come ho visto anche le auto dell'omicidio del giudice Falcone. Sono esperienze negative che segnano e fanno capire che la vita degli altri ha sempre ben poco valore per certe persone. Si può muorire per gli ideali ma si muore soprattutto per volere degli altri.