3300 tirocini per giovani inoccupati e disoccupati tra i 18 e 29 anni

  1. Wtrotta
    Wtrotta Utente
    Registrato:
    28 Ottobre 2007
    Messaggi:
    1.800
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    3300 tirocini per giovani inoccupati e disoccupati tra i 18 e 29 anni


    Italia Lavoro, agenzia tecnica del Ministero del Lavoro, ha stanziato 14,85 milioni di euro per valorizzare il lavoro artigianale e per favorire l’inserimento lavorativo di giovani tra i 18 e i 29 anni attraverso la promozione del contratto di apprendistato.

    Il Programma, che prende il nome di “Botteghe di mestiere”, prevede di creare una “Bottega” – rappresentata da un’impresa o da un aggregato di imprese che operano in comparti produttivi della tradizione italiana – in ciascuna provincia del nostro Paese, nella quale formare, mediante tirocini semestrali, 3300 giovani inoccupati o disoccupati.

    Questi i comparti produttivi:

    tessile/abbigliamento/calzaturiero
    ristorazione
    pasticceria
    panificazione
    benessere
    costruzioni.


    A ciascun tirocinante verrà riconosciuta una borsa mensile di 500 euro – il tirocinio dura sei mesi - e a ciascuna azienda ospitante un contributo di 250 euro a persona.

    51 sono le botteghe individuate in questa prima tornata, così distribuite:

    2 in Valle d’Aosta
    11 in Piemonte
    2 in Liguria
    8 in Lombardia
    1 in provincia di Trento
    3 in Friuli Venezia-Giulia
    5 in Veneto
    2 in Emilia-Romagna
    1 in Toscana
    6 nelle Marche
    1 in Umbria
    1 nel Lazio
    3 in Sardegna
    2 in Abruzzo
    3 in Puglia.

    Gli aspiranti tirocinanti potranno presentare le loro candidature - a partire dal 4 ottobre 2012 sul sito italialavoro.it scegliendo la “Bottega” presso la quale vogliono fare l’apprendistato.



    Per avere maggiori informazioni consultare i siti : - italialavoro.it e cliclavoro.gov.it
     
  2. Nicola Simone
    Nicola Simone Utente
    Registrato:
    25 Marzo 2007
    Messaggi:
    279
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Inventori ben pagati.

    Lo Stato Italiano molti anni fa le ha fatte sparire "le botteghe di mestiere" adesso le vogliono di nuovo inventare, non invetano niente esistevano di già.... si adesso si rendono conto sti "ministri" che non potevano far diventare il popolo italiano solo dei sapienti e scenziati, per fare un popolo ci vuole di tutto... dell'artigianato e soprattutto