a proposito di energia, l'alternativa della Svezia

  1. AnnaMaria
    AnnaMaria Utente
    Registrato:
    10 Febbraio 2003
    Messaggi:
    484
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Riporto integralmente un articolo che è stato pubblicato riguardo alle iniziative che il governo svedese sta portando avanti riguardo la dipendenza dal petrolio.

    Siamo tutti concordi che la nostra economia, quindi il nostro vivere quotidiano e quello dei nostri figli, praticamente sono influenzati direttamente ed indirettamente dalle produzioni di petrolio; che è dato certo che i danni che stiamo procurando alla terra, sono ingenti e che è necessario trovare fonti alternative ora. Molte nazioni sono avanti anni luce. Forse, qualche passo avanti lo potremo fare anche noi?

    La Svezia dice addio all'economia del petrolio
    06/03/2008 - Gabriele Bindi


    Il Paese nordico ha già il 40% di energie rinnovabili e punta a eliminare del tutto la dipendenza dai combustibili fossili
    Coprire la metà del proprio fabbisogno energetico con le energie rinnovabili: un sogno ingenuo e un po' fricchettone? No, il programma di governo della Svezia. Il ministro per l'energia e le attività produttive Maud Olofsson, in visita a Washington ha dichiarato che il suo paese porterà al 49% la propria quota di energie rinnovabili entro il 2020, ben oltre il difficile obiettivo fissato per tutta la comunità europea al 20%.

    "Già oggi il nostro Paese, se si esclude il settore dei trasporti, ha un sistema energetico fossil-free - ha dichiarato il Ministro - La quota di petrolio necessaria per integrare il fabbisogno aggiuntivo di energia è inferiore ad un terzo, ma continuerà a calare"

    Il governo svedese aveva già dichiarato l'obiettivo di sostituire tutti i combustibili fossili con energie rinnovabili, superando la dipendenza dal petrolio, il tutto senza far ricorso all’energia nucleare, tecnologia che la Svezia ha deciso di abbandonare già da tempo.

    Per quanto riguarda i trasporti, l’obiettivo è quello di ridurre del 50% l’utilizzo del petrolio nel settore dell’autotrazione, mezzi industriali compresi. Per raggiungere questa quota di riduzione la Svezia ha indicato un mix di metodologie: dall’aumento dell’efficienza degli autoveicoli privati diesel, anche con l’uso di biodiesel, agli investimenti in veicoli ibridi per il trasporto pubblico, fino al rinnovamento della flotta degli autoveicoli privati con mezzi più leggeri e meno energivori.

    In materia di efficienza elettrica, il traguardo è la riduzione dei consumi del 40% nel settore industriale e del 20% nel segmento domestico, nel quale si prevede uno sviluppo della generazione distribuita.

    Fonte: Planet Ark News


    si stava meglio quando si stava peggio?

    [​IMG]
     
  2. cosimino
    cosimino Utente
    Registrato:
    14 Novembre 2007
    Messaggi:
    82
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    ciao anna maria ,sono pienamente daccordo con il tuo discorso ,ma se si pensa di aver deto no al nucleare,e poi le centrali francesi e svizzere sono ai confini de l`Italia tutto questo mi da da pensare,oppure no?


    Comunque w l`Italia

    ciao
     
  3. cosimino
    cosimino Utente
    Registrato:
    14 Novembre 2007
    Messaggi:
    82
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii oppure no?boooo
     
  4. capodileuca
    capodileuca Utente
    Registrato:
    27 Dicembre 2002
    Messaggi:
    414
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    E pensare che in Italia qualcuno vuole tornare al nucleare...