Addio, grande Saramago!

  1. arianna
    arianna Utente
    Registrato:
    28 Gennaio 2007
    Messaggi:
    56
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    saramagoconche.jpg

    Il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione. Quando il viaggiatore si è seduto sulla sabbia della spiaggia e ha detto: "Non c'è altro da vedere", sapeva che non era vero. Bisogna vedere quel che non si è visto, vedere di nuovo quel che si è già visto, vedere in primavera quel che si è visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il sole dove la prima volta pioveva, vedere le messi verdi, il frutto maturo, la pietra che ha cambiato posto, l'ombra che non c'era. Bisogna ritornare sui passi già dati, per ripeterli, e per tracciarvi a fianco nuovi cammini. Bisogna ricominciare il viaggio.
    Sempre.
    José Saramago
     
  2. AnnaMaria
    AnnaMaria Utente
    Registrato:
    10 Febbraio 2003
    Messaggi:
    484
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Grazie Arianna,
    è vero,
    il viaggio continua, sempre.

    abbiamo "perso" (ma non è così) un grande autore e un grande uomo.

    Hà-De Haver...


    Dev'esserci un colore da scoprire,

    un recondito accordo di parole,

    dev'esserci una chiave per aprire

    nel muro smisurato questa porta.


    Dev'esserci un'isola più a sud,

    una corda più tesa e più vibrante,

    un altro mar che nuota in un altro blu,

    un'altra intonazione più cantante.

    Poesia tardiva che non riesci

    A dire la metà di quel che sai:

    non taci, qando puoi, e non sconfessi

    questo corpo casuale e inadeguato.

    di Josè Saramago Hà-De Haver...
     
  3. arianna
    arianna Utente
    Registrato:
    28 Gennaio 2007
    Messaggi:
    56
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Hà-De Haver...

    E' rassicurante, Anna Maria, la tua certezza..."tra
    parentesi"...mi ha fatto riflettere!


    Hà-De Haver...un modo perchè la mancanza di una persona non pesi sul cuore come un macigno e non si avverta, terribile, la solitudine!


    E non parlo di solitudine sociale, che di questi tempi e per
    quanto mi riguarda è un sollievo, quanto, piuttosto, di una
    sorta di solitudine di pensiero, di affinità spirituale.

    L'unica consolazione, che mi aiuta a stemperare la tristezza, è che di Lui ho ancora...tantissimo da leggere!