Bando di Selezione n° 2 volontari - Morciano

  1. Pantaleo
    Pantaleo TorreVado.info Staff
    Registrato:
    28 Luglio 2003
    Messaggi:
    2.379
    Mi Piace Ricevuti:
    1
    L'Associazione Pro Loco Torre Vado rende noto, attraverso un manifesto esposto il 12 novembre 2003 nel Comune di Morciano di Leuca, che,
    è indetta la selezione pubblica di 2 volontari da impiegare nel progetto di servizio civile: "L'arcobaleno della Storia e del Turismo Culturale Italiano" Area tematica: " Valorizzazione storia e Cultura locale".....

    Per ulteriori informazioni ...

    potete rivolgervi alla ProLoco Torre Vado compilando la domanda in carta semplice con i vari allegati secondo i modelli che possono essere scaricati dal sito ufficiale dell' UNPLI (a questo indirizzo: www.proloco-unpli.it/servizio_civile.htm#files )

    oppure su sito ufficiale del servizio civile Nazionale (Qui: www.serviziocivile.it/ nella sezione modulistica)

    in maniera più semplice ritirati presso l'associazione pro Loco Torre Vado e poi consegnati sempre nei giorni di Lunedi Mercoledi e Venerdi dalle ore 16:00 alle ore 20:00.


    Qualche informazione in Più per compilare i moduli...

    1) CHI E’ L’ENTE?
    L'Ente è l'UNPLI Nazionale, la Pro Loco è solo una sede di realizzazione del Progetto;
    2) CHI E’ L’UFFICIO?
    L'Ufficio è la Presidenza del Consiglio, Servizio Volontariato Civile;
    3) CHI E’ IL RESPONSABILE DEL PROGETTO?
    Il Responsabile del Progetto è il sottoscrittore del PROGETTO a livello nazionale ed è colui che risponde direttamente alla Presidenza del Consiglio di ogni atto, i Presidenti delle Pro Loco o i Delegati sono collaboratori responsabili dell'attuazione del Progetto nelle singole sedi;
    4) CHI E’ IL RESPONSABILE DELLA SEDE DI REALIZZAZIONE (O DI SERVIZIO)?
    Il Responsabile della sede di realizzazione è il Presidente della Pro Loco o il delegato ufficiale indicato nell’istanza di partecipazione. Può essere sostituito nel corso del progetto da altra persona, sempre ché ufficialmente a ciò delegato;

    5) QUALI SONO I COMPITI DEL RESPONSABILE DELLA SEDE DI REALIZZAZIONE?
    Egli è il coordinatore delle attività e del servizio dei volontari. Ne cura l’orario e i compiti, li assiste e provvede alla loro gestione nel rispetto del Progetto dell’Ente intrattenendo i rapporti amministrativi e organizzativi con la sede dell’UNPLI. Partecipa ai programmi di aggiornamento e formazione e, a sua volta, deve provvedere a formare i giovani secondo il programma inserito nel Progetto.
    6) COSA SI INTENDE PER INVIO “IN ORIGINALE”?
    Quando si parla di invio in originale, si intende che il documento deve essere inviato in originale e non in COPIA FOTOSTATICA, può essere inviato anche in COPIA FOTOSTATICA ma la firma in calce deve ASSOLUTAMENTE essere apposta in originale;
    7) COSA SIGNIFICA NON AVER COMPIUTO IL 26° ANNO DI ETA’?
    Per “non aver compiuto il 26° anno di età” si intende non avere compiuto più di 25 anni e 364 dalla nascita fino alla data di scadenza del Bando di riferimento;
    8) LA SEDE DI SERVIZIO, OVVERO LA PRO LOCO ASSEGNATARIA DEI VOLONTARI, PUO’ TRASMETTERE DOCUMENTI ALL’UFFICIO?
    Assolutamente no. Qualsiasi contatto con l’Ufficio deve essere tenuto dal responsabile del progetto (o meglio dall’Ente attraverso il suo responsabile); ciò è evidente non solo in quanto l’Ufficio vuole avere un unico interlocutore, ma anche perché l’Ente (sul quale ricadono responsabilità civili e penali) deve essere al corrente di qualsiasi azione;
    9) CHI DEVE TRASMETTERE GLI ATTI?
    Gli atti vanno trasmessi esclusivamente dal responsabile della sede all’Ente;

    10) COSA SI INTENDE PER MISSIONE?
    La missione è un incarico che viene assegnato al volontario in ambito esterno alla sede di servizio e può prevedere, previo accordo tra le parti (Pro Loco e volontario), un rimborso spese.

    11) CHE COS’E’ LA FORMAZIONE E CHI LA REALIZZA E COME DEVE ESSERE REALIZZATA?
    La formazione è un momento di approfondimento sulle tematiche che dovranno essere sviluppate nella realizzazione del progetto. Essa prevede due momenti: a) quello dei formatori (responsabili nazionali e periferici); b) quello dei volontari.Viene programmata dall’ Ente (UNPLI Nazionale) attraverso l’ufficio di servizio civile e il dipartimento addetto. Le spese dei docenti saranno a carico dell’Ente, quelle di partecipazione a carico delle singole sedi di servizio. La partecipazione ai corsi è obbligatoria. I Formatori Nazionali formeranno i periferici e i volontari su tematiche generali afferenti al progetto e alle norme; i periferici (ovvero i responsabili della sede di servizio) avranno cura di illustrare ai volontari il Progetto Nazionale, la funzione della Pro Loco e il suo ruolo sul territorio, concordando con i volontari programmi e strategie operative per realizzare il Progetto in loco.
    12) I VOLONTARI HANNO DIRITTO AGLI ASSEGNI PER FAMILIARI A CARICO?
    Attualmente non ne hanno diritto.

    13) IN CASO DI MATERNITA’ E PUERPERIO SI HA DIRITTO ALL’ASTENSIONE OBBLIGATORIA DAL SERVIZIO?
    Si ha diritto all’astensione presentando un certificato medico per il tramite dell’Ente per il puerperio e successivamente vengono concessi i periodi spettanti per la maternità. Ovviamente, dopo i 15 giorni canonici per malattia tutto il periodo di astensione dal servizio verrà retribuito con la riduzione di 1/3.

    14) I PAGAMENTI DA CHI VENGONO EFFETTUATI? COME? QUANDO ?
    Per tutelare maggiormente i volontari, l’Ufficio ha deciso di effettuare i pagamenti per proprio conto, attraverso il deposito delle spettanze solo su Libretto Postale (e non c/c) appena in possesso della documentazione fiscale inviata dall’Ente (domicilio, codice fiscale, n° libretto etc);

    15) COME VIENE VERICATA L’ATTUAZIONE DEL PROGETTO?
    Viene verificata a cura dell’Ente che tramite il responsabile della sede provvede a raccogliere le relazioni afferenti alle attività messe in cantiere da ogni singola sede di servizio. Dette relazioni dovranno essere predisposte e trasmesse all’Ente dopo i primi 5 (cinque) mesi e alla fine del quadrimestre successivo e comunque entro il 10° (decimo) mese di attività;

    16) CHI PREDISPONE L’ORARIO DI SERVIZIO?
    Viene predisposto dal responsabile della sede di servizio, previo accordo con i volontari e può essere settimanale o mensile etc.Vanno rispettati gli obblighi di servizio (5 ore giornaliere o comunque 25 ore settimanali ovvero 1.200 ore annue) e va apposta la firma. Detto orario va conservato presso la sede di servizio per eventuali controlli e/o verifiche dell’ Ufficio o dell’UNPLI Nazionale.

    16) E’ POSSIBLIE OTTENERE CREDITI FORMATIVI PRESSO LE UNIVERSITA’ ?

    Attualmente siamo in contratto con diversi Istituti Universitari per vedere riconosciuti crediti formativi per particolari materie. Appena definiti eventuali accordi forniremo i dettagli.

    17) E’ POSSIBILE, IN CASO DI DIMISSIONI O COMUNQUE, ASSUMERE DIRETTAMENTE IL VOLONTARIO, IDONEO NON SELEZIONATO, IN GRADUATORIA O IN ALTRE GRADUATORIE?
    L’assunzione viene fatta esclusivamente dall’Ufficio con lettera indirizzata al volontario. In nessun caso è possibile assumere senza detta comunicazione. In caso di dimissioni di volontari che hanno iniziato l’attività, o prima che detta attività cominci, va inviata lettera di rinuncia del volontario all’Ente immediatamente, l’Ufficio provvederà ad effettuare nuova nomina, se possibile.
    18) FINO A QUANDO E’ POSSIBILE SOSTITUIRE UN VOLONTARIO DIMISSIONARIO?
    I volontari possono essere sostituiti nei primi 3 (tre) mesi, in modo da permettere ai subentranti almeno 9 (nove) mesi di attività, il tutto va effettuato attraverso l’Ente con tempestività.

    19) SPETTANO LE FERIE E COME?
    Spettano 20 giorni di ferie all’anno (o permessi per esigenze personali) che devono essere prima maturate (in media 1 giorno e mezzo per ogni mese di lavoro).
    20) E PER MALATTIA?
    Spettano 15 giorni per malattia, debitamente certificati
    21) SI E’ ASSICURATI ?
    Si, la polizza di assicurazione viene consegnata in avvio di servizio dal responsabile della sede di servizio.

    22) CHE VALORE HA IL SERVIZIO PRESTATO?

    E’ valido a tutti gli effetti di legge come servizio reso allo Stato (previdenziale e assistenziale) ai sensi Legge 153 de 1969 art. 49


    Ricordate, la domanda dovrà essere spedita dalle Pro Loco verso il SERVIZIO CIVILE UNPLI non oltre il 31 dicembre 2003.

    Ciao[:104]
     

Condividi questa Pagina