Consiglieri di opposizione - Comunicazione al prefetto 21 settembre 2010

  1. Pantaleo
    Pantaleo TorreVado.info Staff
    Registrato:
    28 Luglio 2003
    Messaggi:
    1.733
    Mi Piace Ricevuti:
    1
    28/09/2010 - Comunicazione al prefetto da parte del gruppo di Opposizione, in data 21/09/2010, in merito al mancato rispetto dei diritti dei consiglieri comunali in violazione di norme regolamentari e statutarie


    Sua Ecc.za
    Sig. Prefetto di Lecce
    Dott. Mario Tafaro

    e p.c. Al Sindaco
    del Comune di Morciano di Leuca
    Sede

    Al Direttore Generale
    Sede

    OGGETTO: Segnalazione continuo mancato rispetto dei diritti dei consiglieri comunali in violazione di norme regolamentari e statutarie. Mancato rispetto dei termini per approvazione conto consuntivo.


    I Consiglieri del Comune di Morciano di Leuca Durante Luca, Colella Walter, Orlando Adele, Profico Maria e Ricchiuti Lorenzo, dopo aver esperito senza esito tutte le azioni necessarie per poter esercitare i diritti loro attribuiti dalla legge, si vedono costretti a segnalarLe una situazione che perdura dall’insediamento di questa Amministrazione.

    I sottoscritti consiglieri hanno presentato una serie di richieste presso gli uffici comunali (riportate in allegato al presente atto) , alcune delle quali rivolte ai Responsabili degli Uffici Comunali – in quanto atti di gestione- altre rivolte al Sindaco in quanto attinenti a scelte prettamente politiche.

    Richieste inevase nonostante i solleciti sia verbali che scritti, regolarmente formalizzati in atti presentati al protocollo dell’Ente.
    Ciò in manifesta violazione di quanto previsto dall’art. 19 del vigente Statuto Comunale nonché dell’art. 3 del Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale che peraltro impone un termine di 3 giorni entro cui rilasciare copie degli atti e consentire la visione dei documenti richiesti. Termine mai rispettato, considerato che spesso - anche laddove ci sia stato concesso il diritto di accesso – il tempo di attesa è stato di gran lunga maggiore.

    Né, come si può facilmente riscontrare dagli atti in Comune, tali richieste possono iscriversi tra quelle che incorrono in impedimenti o divieti previsti dalla legge, considerato che in ossequio al precetto di cui al 4°co. della norma regolamentare su richiamata ( in forza della quale di fronte ad un diniego "entro il termine di cui al precedente comma…..il consigliere interessato, con comunicazione scritta" ha diritto ad essere informato sui motivi che non consentono il rilascio) nessuna nota di riscontro ci è mai pervenuta.
    Solo il silenzio, che di fatto preclude ogni intervento politico-amministrativo da parte della minoranza.

    Non può peraltro essere sottaciuto il comportamento da parte del Sindaco e della Sua maggioranza, di una completa indifferenza alle nostre proposte, (si veda a titolo esemplificativo, in allegato, quella inerente l’adozione di regolamento comunale per l’installazione delle antenne di telefonia mobile e di inquinamento elettromagnetico) o ai solleciti che, seppure non formalizzati in atti regolarmente protocollati, sono stati manifestati durante alcune sedute del Consiglio Comunale, sede istituzionale per antonomasia di confronto democratico.

    Rientra in quest’ultima fattispecie la nostra richiesta nella seduta del consiglio comunale del 3/6/2010 per l’approvazione del bilancio di previsione ,circa la mancata approvazione del conto consuntivo 2009, nel termine del 30 aprile 2009 ex art. 2 quater co.6 del DL 7/10/2008, n°154.

    Comportamento deplorevole se si considera che il rendiconto è lo strumento fondamentale per valutare l’efficienza, l’efficacia dell’azione amministrativa nonché il grado di realizzazione degli obbiettivi prefissatisi nel bilancio di previsione oltre a costituire punto di riferimento per la previsione finanziaria dell’anno successivo.

    In quella sede - come si può riscontrare dai verbali della seduta - da parte di un consigliere di maggioranza ci è stato risposto che non è mai stato rispettato quel termine e che il richiamo all’approvazione entro la scadenza prevista sarebbe espressione di mera fiscalità.
    Ed in effetti , il Consiglio Comunale non ha ancora approvato il Conto consuntivo, deliberato solo dalla Giunta Comunale in data 10/8/2010!

    Riteniamo che questo comportamento superficiale dei nostri Amministratori, che puntualmente disattendono quelle norme che riconoscono al consigliere comunale, sia esso di maggioranza o di opposizione, diritti fondamentali per l’espletamento del proprio mandato, vadano a minare le basi della democrazia, in forza della quale i cittadini - anche attraverso l’operato dei consiglieri di minoranza che comunque li rappresentano - hanno diritto ad essere informati e a partecipare all’attività amministrativa del nostro Comune.

    Pertanto, nella convinzione che la nostra richiesta non possa essere considerata frutto di una sterile polemica politica, riteniamo che un Suo intervento sia necessario al fine di ripristinare la legalità nel rispetto dei diritti che il legislatore ha voluto riconoscerci, evitando che nel futuro possano ripetersi episodi similari, riportando al contempo l’azione amministrativa sui giusti binari del sereno e pacifico confronto politico.

    RingraziandoLa per l’attenzione prestataci e manifestando la nostra ampia disponibilità anche ad un eventuale incontro che Lei riterrà opportuno, Le porgiamo

    Distinti saluti.

    Morciano di Leuca, 20 settembre 2010

    I Consiglieri di Opposizione