LAVORO

  1. antonio86
    antonio86 Utente
    Registrato:
    24 Marzo 2007
    Messaggi:
    7
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Ciao a tutti, secondo voi è concepibile lavorare senza essere assicurati???
     
  2. Big John
    Big John Utente
    Registrato:
    20 Maggio 2006
    Messaggi:
    209
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Il lavoro è un diritto sancito dalla Costituzione.
    La mancanza di lavoro è una situazione che fa comodo a chi detiene il potere sia politico, sia economico, a tutti i livelli, dal piccolo artigiano al mega industriale.
    L'occupazione è l'arma di ricatto con cui i potenti dell'economia tengono sotto scacco il potere politico che ha bisogno del consenso popolare.
    In questa situazione di m...a a rimetterci è sempre il lavoratore, che pur di portare a casa qualche soldo è costretto ad accettare condizioni di lavoro improponibili senza alcun lamento.
    La soluzione? Non la so.
     
  3. J.Carter
    J.Carter Utente
    Registrato:
    22 Febbraio 2006
    Messaggi:
    76
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Il lavoro nobilita l'uomo

    Purtroppo avvolte quella nobiltà vene deturpata o resa meno, per colpa di imprenditori senza scrupoli. Purtroppo la colpa non è solo di questi sciacalli, ma anche nostra, che per un pezzo di pane lavoriamo a nero, lavoriamo sottopagati, sfruttamenti, ecc. Certo le denunce servono a poco perché non credo che nessun dipendente si sia mai lamentato... E una situazione grave, una piaga che mina lo sviluppo della nostra regione se non dell'intera nazione.

    Bisognerebbe cambiare mentalità e instillare uno senso civico più profondo. Un senso di appartenenza a qualcosa di buono. Per noi lavoratori e per noi imprenditori (non più sfruttatori)
    Forse così un giorno le cose cambieranno...
     
  4. mauro.marino
    mauro.marino Utente
    Registrato:
    23 Maggio 2007
    Messaggi:
    18
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Hai ragione j.carter

    =>Bisognerebbe cambiare mentalità e instillare uno senso civico più profondo<=
     
  5. Tommy
    Tommy Utente
    Registrato:
    2 Giugno 2007
    Messaggi:
    4
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Salve a tutti,
    io penso invece che siete tutti bravi a parlare.... bla ...bla ...bla....
    E INVITO TUTTI I COSIDDETTI " DIPENDENTI" PER UN GIORNO A FARE GLI IMPRENDITORI.
    VORREI PROPRIO VEDERE DOVE STANNO I LORO C.....ONI....
     
  6. J.Carter
    J.Carter Utente
    Registrato:
    22 Febbraio 2006
    Messaggi:
    76
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Infatti ho scritto "per noi lavoratori e per noi imprenditori"

    Purtroppo quest'ultima categoria non gode di una buona fama. Ci sarà pure un motivo...
     
  7. Tommy
    Tommy Utente
    Registrato:
    2 Giugno 2007
    Messaggi:
    4
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Hai idea di come si comporta un lavoratore oggi??????
    Vuole tutto... con poco lavoro...
    sono sicuro che tu non sei un imprenditore......
    Io prima di fare l'imprenditore ho lavorato in nero per tre anni.. lavoravo e basta.(avevo voglia di imparare)e ancora oggi quando incontro il mio principale lo saluto con orgoglio, grazie a lui sono diventato qualcuno........
    Un mio dipendente.... ASSICURATO!!!!!.... DOPO TRE MESI DI LAVORO SI ROMPE (A CASA SUA ) UNA GAMBA...... SONO SEI MESI CHE NON VIENE AL LAVORO..PAGATO REGOLARMENTE.. PERCHE' DICE CHE NON STA BENE DI TESTA.........E NON POSSO NEANCHE LICENZIARLO......
    Hai ragione quano dici...Il lavoro nobilita l'uomo

    Purtroppo avvolte quella nobiltà vene deturpata o resa meno, per colpa di LAVORATORI senza scrupoli.
    E COME LUI TANTI ALTRI.
    SONO POCHI QUELLI CHE VOGLIONO VERAMENTE LAVORARE.
     
  8. Big John
    Big John Utente
    Registrato:
    20 Maggio 2006
    Messaggi:
    209
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Esistono eccessi da ambo le parti, è vero.
    Molte volte l'eccesso di alcuni imprenditori crea una specie di giustificazione per gli operai nell'usare slealmente mezzi leciti per sottrarsi ai doveri dell'operaio, spessissimo aiutato dalla scarsa professionalità di medici compiacenti.
    Comunque, non è sottraendosi ai propri doveri da imprenditore che si risolve il problema. La legalità va perseguità sempre, la disonestà bisogna combatterla con i sistemi che le norme consentono.
    Anni e anni di sfruttamento operaio in cui nei bilanci aziendali la voce stipendi non aveva il giusto peso, ha contribuito a formare una "classe operaia" senza la consapevolezza della propria importanza, e quindi il riconoscimento di alcuni diritti fondamentali è stato recepito come l'opportunità per sfruttare a loro volta l'azienda.
    Per finire bisogna crescere civilmente tutti quanti.
     
  9. J.Carter
    J.Carter Utente
    Registrato:
    22 Febbraio 2006
    Messaggi:
    76
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Appunto una serietà maggiore da ambo le parti!!!
    Questo mi pare fosse chiaro "per noi lavoratori e per noi imprenditori"

    Non intendo fare di ogni erba un fascio. Esistono imprenditori seri e lavoratori seri. Purtroppo però anche i furbi!
    Come si risolve la situazione? Non esistono pillole, si cambia registro e basta! a meno di altre proposte, questa per me sembra essere l'unica strada percorribile.

    Saranno solo belle parole? bla bla bla
     

Condividi questa Pagina