POPOLI, edizione 2008 Laboratorio Culturale di incontri

  1. AnnaMaria
    AnnaMaria Utente
    Registrato:
    10 Febbraio 2003
    Messaggi:
    484
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    dal 29 luglio al 3 agosto 2008

    Corsano, Botrugno, Carpignano Salentino (Le)



    POPOLI

    Quarta edizione del progetto multiculturale di musica, incontri, giovani, laboratori, arte, cultura. Domenica 3 agosto grande chiusura con " Popoli ensemble" diretto da Claudio Cavallo Giagnotti e composto da musicisti e danzatori provenienti da Italia, Francia, Algeria, Tunisia, Egitto e Marocco


    [​IMG]

    Dal 29 luglio al 3 agosto torna POPOLI, un laboratorio culturale che comprende musica, officina di danza, incontri istituzionali, convegni, promozione della cooperazione internazionale, scambi di giovani, oltre ad alcuni incontri d'arte con la partecipazione di writer e body art e il festival internazionale degli artisti di strada.



    Popoli è un progetto ideato da Cesario Ratano, Assessore alle Politiche Culturali e Ambientali del Comune di Corsano, e quest'anno è proposto dal Comune di Corsano con il patrocinio di Regione Puglia, Provincia di Lecce, Istituto delle culture mediterranee, Azienda di promozione Turistica di Lecce ed è realizzato in collaborazione con Associazione Dilinò di Muro Leccese, Scuola Taranta Power - Bologna di Maristella Martella, Radiovenere e Radio PeterPan, associazione "Il baco" di Botrugno ed i Comuni di Botrugno e Carpignano Salentino.



    Popoli, che si svolge in collaborazione con città e associazioni italiane e straniere, mira a recuperare la conoscenza delle radici storiche della ritmica, della danza e dei canti popolari del Salento e delle altre nazioni, e la loro evoluzione nei secoli, perseguendo una osmosi culturale non con la semplice interpretazione, ma con il confronto e la contaminazione.



    "Popoli, non è la semplice promozione dell'identità e delle peculiarità salentine, non vuole far conoscere soltanto le altre culture, ma ne ricerca il confronto e l'empatia, valorizzando le diversità, così da diffondere le radici comuni dei popoli in termini di tradizioni, cultura e storia e avviare un processo di conoscenza come forma di arricchimento e di crescita. Popoli, quindi, propone la "contaminazione reale", rifiutando il modello dell'omologazione culturale, per sviluppare i valori della solidarietà, della convivialità delle differenze e della pace. Insomma, Popoli si è rivelato in queste edizioni una mescolanza, non una "Babele". È una bella avventura per chi ha voluto porsi interrogativi e rovesciare ordini mentali prestabiliti", sottolinea Cesario Ratano, Assessore alle Politiche Culturali del Comune di Corsano e coordinatore del progetto(Le).



    Il programma musicale prende il via martedì 29 luglio a Botrugno con il concerto dei salentini Antenora e dei Miji Kenda for Kenia. Il gruppo keniota propone una selezione di musiche e danze africane. Il nome significa letteralmente "le nove città" e deriva dalle nove tribù che vivono lungo il litorale del Kenya: dalla Somalia del Nord sino alla Tanzania del Sud unite da un'affascinante patrimonio culturale.



    Mercoledì 30 luglio a Corsano spazio agli Artbalist, un progetto multietnico nato a Parigi grazie all'aiuto dell'associazione di scambi culturali Tribu Rasta. Il gruppo aspira a creare nuovi suoni dub, drum bass; rub a dub; reggae roots; raggamuffin; jazz e ska. Conosciuti e pronti sulla scena francofone, il gruppo conta diverse apparizioni a festival. La serata comprenderà anche una tappa del Salento Busker festival, appuntamento itinerante che coinvolge artisti da tutta l'Europa, con numerosi gruppi di artisti e musicisti di strada. Ancora si prevede la tradizionale partecipazione di numerosi writer che si cimenteranno con le loro creazioni su pareti messe a disposizione del comune di Corsano (uno dei pochi in Italia ad aver elaborato un regolamento sui writers) ed artisti di Body art che trasferiranno il loro estro sui corpi di modelle.



    Giovedì 31 agosto a Carpignano Salentino appuntamento con Artbalist ed il progetto speciale Pitch Work, piattaforma trans mediterranea di musica elettronica che comprende gli artisti: Skander BesBes (Francia / Tunisia), Collettivo E! (Tunisia), Hicham Bajjou (Marocco), Mahmoud Refat (Egitto) e Mounir Troudi (Tunisia). Pitch Work è prima di tutto uno spazio di incontro tra artisti, un progetto che si costruisce nel tempo grazie ai nuovi partner. È destinato a diventare una vera piattaforma di risorse per i musicisti electro nel mediterraneo. Picth Work è nato quest'anno a Romans, in Francia, continuerà a Corsano in Popoli e si concluderà nel festival tunisino di El Jem a fine agosto.



    Dal 1 agosto a Corsano, partirà invece la residenza artistica "Taràn. La Danza dei Popoli". La danza tradizionale è l'ispirazione di un nuovo linguaggio espressivo, inteso come processo di contaminazione, che unisce l'Italia alle altre aree del Mediterraneo e d'Europa. Dalla verticalità dei salti nella Pizzica salentina, ai movimenti 'cielo - terra' della Tammurriata campana, ai passi saltati della Tarantella del Gargano, ai giri vorticosi delle donne nello Zar egiziano, alle danze sufi. Una trance ritmica che crea una condizione di abbandono estatico alla danza. La residenza, coordinata da Maristella Martella, coinvolgerà Mounira Yacoubi (Algeria), Gilles Coullet (Francia) e Silvia De Ronzo, Ninfa Giannuzzi, Riccardo Cazzato, Corrado Martella, Laura De Ronzo, Manuela Rorro e Antonella Prontera.



    Domenica 3 agosto grande finale nell'Anfiteatro Comunale di Corsano con Popoli Ensemble. Il musicista salentino Claudio "Cavallo" Giagnotti cura la direzione artistica di questo ensemble multietnico che coinvolge musicisti provenienti da Italia, Francia, Algeria, Tunisia, Egitto e Marocco. Dopo tre giorni di prove si esibiranno infatti i francesi PitchWork, la cantante algerina Souad Asla, con il suo gruppo, i marsigliesi D'Acqui Dub e la salentina Orchestra Dilinò che comprende i musicisti di Mascarimirì e Crifiu. Dopo le esibizioni dei singoli gruppi l'ensemble proporrà un lungo repertorio di contaminazione scaturito dal workshop di preparazione dove musica tradizionale salentina ed elettronica, suoni tradizionali e computer convivranno sul palco di Corsano. Ad arricchire la serata sarà "Taràn. La Danza dei Popoli" con le coreografie di Maristella Martella che coinvolgerà sul palco due fenomeni della danza come Mounira Yacoubi (Algeria), Gilles Coullet (Francia).
     

    Files Allegati:

Condividi questa Pagina