Privatizzare e basta.

  1. Fernando
    Fernando Utente
    Registrato:
    30 Settembre 2007
    Messaggi:
    128
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    AMMINISTRATORI DI SALVE…….. PRENDETE ESEMPIO…
    CON DELIBERA N° 3 del 20/02/2009 IL COMUNE DI MORCIANO DI LEUCA,BLOCCA IL PIANO SPIAGGIA DI TORRE VADO DEL 2002.
    TENETE CONTO CHE ALCUNI PROGETTI ERANO GIà APPROVATI DALLA REGIONE.
    IL COMUNE DI SALVE INVECE CHE FA???????????
    AUMENTA LE CONCESSIONI E SE QUALCUNO SI METTE ABUSIVO LO LASCIA STARE…………
    VI RICORDO INOLTRE CHE: LA Regione Puglia in data 17.07.2008 ha presentato il Piano Regionale delle
    Coste che in accordo con la L.R. n. 17/2006 “Disciplina della tutela e dell’uso della costa” mira a
    sollecitare una pianificazione comunale che colta l’opportunità per associare ad un corretto utilizzo
    delle aree demaniali marittime per finalità turistico-ricreative, adeguate politiche di recupero e
    risanamento ambientale;
    Andatevelo a leggere….
    STATE DISTRUGGENDO TUTTO….. ALZATE IL CULO DALLA POLTRONA E ANDATE A VEDERE… UNO SCEMPIO………
    Saluti
    Fernando Strambace
     
  2. Nicola Simone
    Nicola Simone Utente
    Registrato:
    25 Marzo 2007
    Messaggi:
    279
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    parole volgari.

    Carissimo Fernando non so cosa intendi, state distruggendo tutto .... poi credo che puoi usare parole meno volgari.
    Nicola Simone.
     
  3. Fernando
    Fernando Utente
    Registrato:
    30 Settembre 2007
    Messaggi:
    128
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Ciao Smone, non mi pare di aver usato parole volgari,
    in quanto alla distruzione basta affacciarsi oggi sul litorale e te ne accorgi subito che vi è una distruzione totale di tutto il territorio che si affaccia sul mare, sembra una baraccopoli del terzo mondo.
    Io vivo al mare e ogni giorno che passa mi vedo togliere un pezzo della mia vita, perchè uomini senza scrupoli hanno svenduto il nostro territorio, il nostro mare.
    Non so quello che succederà quest'anno ,che di sabbia ne è rimasta il 50%..........invece i lidi sono raddoppiati............ ho sentito dire che spianeranno le dune......
    Fernando
     
  4. daviden
    daviden New Member
    Registrato:
    7 Aprile 2009
    Messaggi:
    3
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Diciamo che l'intenzione di trasformare la litoranea in un piccola rimini mi sembra alquanto palese.

    Tutela del patrimonio ambientale e artistico? Nullo!
    L'anno scorso alla cabina parcheggiavano sulle dune e quando ai vigili ho raccontato quello che accadeva mi han risposto che sono in pochi e non possono farci nulla!
    Dalla litoranea lo spettacolo che si ha delle "Maldive" è lo stesso che si ha del parcheggio di una grande centro commerciale.

    Purtroppo poi l'architettura del paesaggio, capita e tutelata da molte amministrazioni rimane per il comune di Salve un ramo dell'architettura contemporanea ancora tutta da scoprire e capire!

    Non si è capito e non penso che si capirà mai che cosa il turista, visto a volte ancora come "il milanese che scende dal nord con la valigia piena di soldi", cerchi nel Nostro Salento! Ed è proprio l'opposto di quello che Salve sta permettendo di fare ormai da anni!

    Un esempio:

    La masseria di "Don Cesare". Caratterizzava e custodiva quella parte di territorio come un vecchio padre.
    E ora? Aspetto da un anno all'altro che su quell'altura si costruisca l'ennesima "Punta Perotti".

    Con una mentalità diversa la masseria poteva diventare un luogo in cui realizzare varie unità abitative invece di costruire in continuazione case e casupole che nessun legame hanno con la costa e il territorio.

    I "signorotti" amministratori hanno mai fatto una capatina in sardegna, a vedere come gli autoctoni trattano la loro Isola, la Proprioa Terra?

    Sanno che per entrare con l'auto in una spiaggia come quella delle Maldive, per fare un esempio, ci vogliono 10€ e il numero di posti auto è limitato a 20/30?
    E tutti gli altri arrivano con le navette dal paese più vicino?

    E certe spiagge sono a numero chiuso per ridurre l'impatto dell'uomo sulla natura?

    Ma questo non interessa, Salve deve diventare come Rimini, il territorio va sfruttato, usato, consumato!

    Ma a chi piace questo tipo di vacanza a Salve non viene.
    Si ferma a Rimini!
    Dove con 50€ al giorno mangi, dormi e hai 1000 servizi che a Salve purtroppo o meno male ti sogni.
    Chi viene a Salve cerca le immagini da cartolina, di quelle cartoline con vecchie foto, con vecchi ricordi, quelli che si vogliono dimenticare, allontanare e purtroppo distruggere.

    E ogni volta mi chiedo come si faccia a voler dimentare le proprie origini, come si faccia a voler distruggere i luoghi raccontati dai propri genitori, dai propri nonni.
    Le cose cambiano, il mondo cambia. Ma per cambiare bisogna partire da quello che si ha e non da quello che si vorrebbe.

    Salve potrebbe diventare, come molte zone della Puglia, una piccola Pompei con il territorio dei Fani. Cosa si è fatto però negli anni? E' possibile che sono dovuti arrivare dall'Australia per scoprire quello che tutti i Salvesi sapevano?
    Questo immobilismo nel riscoprire se stessi da dove nasce?
    E questa voglia di fare quando è il momento di ditruggere da dove nasce?

    In tutta onesta non penso che cambierà nulla.
    Non penso che si tornerà più indietro. Ormai la cementificazione del litorale è avviata e non si fermerà più.

    Mancano solo 2/3 grossi alberghi, magari come quelli che si vedono a Dubai! Penso che in comune piacerebbero molto vista la chiesa delle Pescoluse, altro esempio di ""cura"" del paesaggio e che Nostro Signore ci perdoni, me perchè non capisco la bellezza di quella chiesa e loro perchè continuano a distruggere quello che Lui ha creato.

    Davide N.
     
  5. claudio
    claudio Utente
    Registrato:
    27 Luglio 2007
    Messaggi:
    3
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Da Torre Vado a Torre Pali: il Rimini salentino

    L'ho già scrito due o tre volte, la mia famiglia viene a Pescoluse dal 1991. Quasi vent'anni! Se siamo tornati, facendo 3000 km a/r, è perchè abbiamo trovato un paradiso. Mare bello, spiaggie libere... Da qualche anno, hanno cominciato colle concessioni e, anche, cogli ombrelloni da noleggiare ma che sono già sulla battigia alle 7 della matina, come nelle concessioni! A chi pensa che questo sistema è sorgente di soldi, dico che si sbaglia. I nostri soldi, risparmiati sulla spiaggia, vanno nei ristoranti, nei negozi dei paesi, nelle gelaterie... E giusto dire che i "forfait" di Rimini "tutto compreso" sono più interessanti e... a 1300 km a/r! Ma non vogliamo Rimini. Siamo inammorati del Salento, di Pescoluse. Ma si sa, l'amore, talvolta, si spegne.
    Claudio (Svizzera)













     
  6. jollyx
    jollyx Active Member
    Registrato:
    8 Febbraio 2008
    Messaggi:
    30
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    La masseria di "Don Cesare". Caratterizzava e custodiva quella parte di territorio come un vecchio padre.
    E ora? Aspetto da un anno all'altro che su quell'altura si costruisca l'ennesima "Punta Perotti".
     
  7. jollyx
    jollyx Active Member
    Registrato:
    8 Febbraio 2008
    Messaggi:
    30
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    se ero io a poter scegliere farei di nuovo costruire la masseria perche che sia caduta mi sembra strano!!!!!!! ti garantisco che ho passata la mia infazia e mi sembrava veramente solida,secondo me qualsiasi cosa fanno rovinando quello che 100ntinaia di anni fa anno costruito con fatica e sbagliato allora smettiamola di dire c.....e e collaboriamo!!!!!!!! siamo noi cittadini morcianesi e salvesi a voler lavorare 3 mesi e vivere tutto l`anno abbassiamo i prezzi e facciamo conoscere la nostra cultura;un mio collega qui in svizzera a chiesto un piatto tradizionale e gli anno portato le penne alla matriciana. (che vergogna)
     
  8. Alida
    Alida Utente
    Registrato:
    24 Maggio 2005
    Messaggi:
    66
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Non vogliamo diventare una seconda Rimini!!!

    Stiamo attenti, è già troppo tardi! Ogni anno crescono gruppi di case li dove prima c'era la natura, il nostro patrimonio e la ragione per la quale il Salento è apprezzato! Non vendiamo la nostra terra nascondendoci dietro la scusa dello sviluppo turistico e commerciale! Lo sviluppo va fatto in modo pensato e non selvaggio come succede da noi. E bastato che uno un giorno metta un ombrellone sulla spiaggia per poi invadere quel poco di sabbia che ci rimane con sdraie e ombrelloni. Mai e poi mai avrei pensato vedere un cartello "spiaggia libera" giu da noi, ma scherziamo, da quando la spiaggia non è libera e accessibile a tutti???!!!