Quannu era piccinna

  1. Alida
    Alida Utente
    Registrato:
    24 Maggio 2005
    Messaggi:
    66
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Quannu era piccinna e ca rivavane alla stazione de Lecce cu lu trenu, me paria ca erene ravati a Tahiti. Vidia tutte chire palme e pe mie le palme se truvavane soltanto a Tahiti.

    C’era sempre qualcunu ca vania cu ne pia alla stazione e cuannu ravavene susu alla collina de Morciano vicino allu mobilificiu Pesolino, me santia lu core nchianare intra la gola…finalmente era rivata a casa.

    Me manisciava cu bo salutu li zii e cuginama ca pe mie era comu na soru. Me ricordu puru dellu Lizzi, lu cane de lu ziu ca pareddu stia sempre attaccatu e quannu vulia cu lu portu a spasso se ne fucia ! E li panini ca me facia sula quannu lu ziu tania ancora l’alimentare ? Comu me divertia cu me taiu lu prosicuttu cull’affettatrice !

    Prima cosa ne toccava pulazzamu la casa a mare o a Morciano a sacunnu della stagione e poi finalmente putivene iniziare le vacanze ! Truvavane sempre qualche staiune o malota nascosta sutta lu lettu !

    Quannu santia odore de bruciatu ca li furesi bruciavane le erbe intra le gisure dicia sempre « ça sent l’Italie ! » « si sente l’Italia ! », e l’odore delli fucaliri in invernu non se pote dimenticare .

    Su passati chiu de 20 anni e me ricordu tutti nelli minimi dettagli, li odori, li rumori, le sensazioni. Ancora osci quannu sentu odore de bruciatu me ricorda l’Italia e ogni vota ca tocca me ne vo de Morciano se spezza lu core.

    Su tutti sentimenti ca me iutene cu bo ‘nansi e sacciu ca almenu 2 vote l’annu diventene realtà.

    Quisti su li ricordi de na fia de emigranti ca malgradu na vita lontana de Morciano se sente chiu Murcianese de tutti li Murcianesi riuniti !
     
  2. franca
    franca New Member
    Registrato:
    4 Giugno 2009
    Messaggi:
    1
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    ciao Alida,le parole c'hai scritte m'annu fatta cciancere,puru ieu su stata fia d'emigrati e le senszioni c'hai descritte l'aggiu ntise intra lu core. Me rimastu sempre per abbitudin salutare cu nu baciu santa lucia cuannu li passu de nansi perche la mamma ogni annu ripetia le stessa parole,santa Lucia mia simo rrivati in salvamento.Alida su venti anni ca me ne su venuta ma ste cose stannu immpresse dintra e pe mie su ricchezza perche te fannu capire alcune sofferenze .ps. je suis née a NEUCHATEL BISOUX!
     
  3. Wtrotta
    Wtrotta Utente
    Registrato:
    28 Ottobre 2007
    Messaggi:
    1.846
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Complimenti Alida

    Je suis nèè a Sierre!
    Tutti noi abbiamo nel cuore e nell'animo le emozioni che ha descritto Alida. Io per mia fortuna le ho vissute da molto piccolo e non le ricordo perché era fortissimo il desiderio di Papà a tornare a Murcianu Sò. Pe iddu era na Malattia starsene in Svizzera. E quindi ci ha riportati in Italia a tenera età, dico ci ha riportati perché nonostante io e i miei fratelli siamo nati in Svizzera lu Core era Murcianese era come se fossimo nati a Morciano. E poi cu la capu tosta ca portu cosa ho fatto a 19 anni appena diplomato? Ho deciso di fare anch'io l'emigrante scappando da Morciano come se lì ci fosse il Diavolo: Trovamene na fatica, lu postu fissu, Fusci fusci .... ed ora lottiamo per evitare che le sorgenti diventino uno stabilimento balneare, lottiamo affinché possiamo vedere la nostra Storia chiusa magari da Privati come custodi gelosi di qualcosa che appartiene alli Tata nosci: il castello, i frantoi, le case a corte. Quanto si beddu Morciano Nosciu con i tuoi profumi e le tue Tradizioni, Terroniche, Ottuse chiamatile comu vuliti ma su Noscie, sono nel nostro incaccellabile DNA.
    W morciano e w tutti coloro che si sentono Morcianesi