Realizzazione ponte Wind a Torre Vado

  1. Pantaleo
    Pantaleo TorreVado.info Staff
    Registrato:
    28 Luglio 2003
    Messaggi:
    2.379
    Mi Piace Ricevuti:
    1
    Sono iniziati questa mattina i lavori per la realizzazione di un ponte Wind nella marina di Torre vado (zona parcheggi via Scalelle) - vedi WebCam

    [​IMG]
     

    Files Allegati:

  2. argentina
    argentina Member
    Registrato:
    26 Settembre 2009
    Messaggi:
    5
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Torre Vado o Torre Faro

    Caro Pantaleo,

    Per correttezza e per un obbligo morale che mi viene dall'essere cittadino di questa comunità (d'estate, ma da sempre vicino a voi), rendo pubblica l'e-mail che ho spedito giovedì 24 settembre al sindaco di Morciano di Leuca, avv. Giuseppe Picci, a proposito del radio faro Wind, che sta sorgendo nel cuore di Torre Vado.

    "Egregio sig. Sindaco Giuseppe Picci,

    sono, si può dire?, un residente a Torre Vado (lo sono stato per anni, con la mia famiglia, senza interruzione di continuità. Ora dalla tarda primavera fino all'autunno inoltrato e comunque regolarmente il fine settimana).
    Da anni, dunque, Via Scalelle è la mia seconda casa e da anni mi sento di scommettere sul futuro di quella che oggi molti definiscono "perla del Salento", e da sempre – per convinzione – ritengo che lo sviluppo del territorio si possa coniugare senza scandalo con la modernità e con l'innovazione. A patto che i cittadini siano partecipi, parte attiva e informata, dell'innovazione. Che il futuro sia, cioè, condiviso.
    Per questo, Le sarei grato volesse portare a conoscenza del pubblico i motivi che hanno portato l'Amministrazione comunale a localizzare una torre faro per impianti di telefonia mobile nel parcheggio di Via Fermi, a Torre Vado, in un'area densamente abitata (la mia casa, lo dico subito, insiste proprio sotto la nascente torre), con due strutture alberghiere (il Residence "Cala Saracena" e l'albergo "La collinetta") che ospitano d'estate centinaia di famiglie, in uno spiazzo destinato a luogo di sosta di automobili, di roulotte e di caravan.
    E glielo chiedo e perché mi sembra assurdo conficcare un traliccio per la telefonia, con tutti i probabili problemi di elettrosmog e di elettromagnetismo, nel cuore dell'abitato, in una località a forte vocazione turistica, quando la tendenza nel resto d'Italia è quella di delocalizzare e decentrare in campagne deserte torri e ripetitori e perché la difesa della salute prescinde dallo status del residente o del turista.
    Mi dicono che la torre faro doveva essere pronta per l'estate 2009 (e infatti la perimetrazione dell'area è avvenuta a luglio, ma è stata subito sospesa, e altrettanto immediatamente è stato rimosso il cartello di cantiere, forse per via dei "boatos" delle Sorgenti e per il clamore che la vicenda ha avuto nei media e nell'opinione pubblica, o a causa del crescente flusso dei turisti), mi dicono che i parametri di rischio sono sotto controllo, mi dicono che eventuali sforamenti sarebbero all'istante registrati dai sensori, ma sarebbe preferibile avere una Sua risposta che chiarisca e, soprattutto, tranquillizzi. Una risposta, appunto, che condivida con gli altri una scelta che riguarda la salute dei cittadini e il futuro del territorio. O no?
    Cordialità.
    f.to: Nello Wrona"

    Questo quanto ho dovuto scrivere, ricevendo in risposta – con molta correttezza – le rassicurazioni del sindaco e dei suoi collaboratori. Ma mi chiedo: chi garantirà il corretto funzionamento delle sei antenne trasmittenti GSM/DCS/UMTS (tre a pannello e tre a parabola) che compongono il radio faro, alto 27 metri? Chi garantirà la salute delle famiglie che vivono all'ombra dell'antenna? Con quali credenziali di sicurezza Torre Vado sta stampando il suo bigliettino da visita per i turisti? E, soprattutto, perché nella scelta del sito non sono stati consultati i cittadini? Mio figlio Andrea, tornando oggi da scuola, mi ha detto che è stato il primo giorno di una materia nuova: "Cittadinanza e Costituzione". Posso dirgli che, questo della cittadinanza, non serve a niente? Che il Sud continuerà sempre a divorare se stesso e i suoi figli?

    Nello
     
  3. Pantaleo
    Pantaleo TorreVado.info Staff
    Registrato:
    28 Luglio 2003
    Messaggi:
    2.379
    Mi Piace Ricevuti:
    1
    Grazie Nello per aver condiviso con noi le tue informazioni.

    Saluti a presto Pantaleo
     
  4. lukad78
    lukad78 Well-Known Member
    Registrato:
    4 Luglio 2005
    Messaggi:
    50
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Alcune foto dei lavori

    Salve a tutti,
    sono Luca Durante.

    Ieri mattina ho avuto modo di parlare con il Sig. Nello Wrona e fare alcune foto.

    Ne riporto un paio qui in allegato.

    Il resto è stato pubblicato sul sito ufficiale della lista "Uniti per Morciano" nella galleria "Antenna telefonia - Parcheggio Scalelle".

    Ciao a tutti.

    Luca Durante
     

    Files Allegati:

  5. silvanapisa
    silvanapisa New Member
    Registrato:
    28 Settembre 2009
    Messaggi:
    1
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    radio wind

    :confused: Sento il desiderio di dire anch'io la mia, portando il mio modesto contributo a quanto sta succedendo attualmente nella zona Scalelle, sia perchè mi sento parte integrante di quella meravigliosa località che è Torre Vado (Melanconica nostalgia di chi come me, salentina,
    vive lontano) e sia perchè mi ritengo un cittadino che ha sempre avuto rispetto dell'ambiente.
    E' vero che quanto sta per essere costruito, purtroppo, è sinonimo di avanzamento, di tecnologia, ma , mi chiedo a discapito di quali bellezze che, haimè andranno perdute? Non dimentichiamo la questione Sorgenti di quest'anno!
    Vogliamo forse dimostrare agli altri e ai turisti in particolare che stiamo migliorando come non mai?
    Bè, a dire il vero, non mi interessa!
    Rimpiango i tempi passati quando solo il mare pulito, l'aria pulita, il sole contavano veramente per noi salentini.
    Vorrei fermare il tempo a quando, ancora bimbetta, soli tra tante pietre, paiare e nessun elemento tecnologico, al calar della sera con nientaltro che un sempice LUME A GAS chiedevo a mio padre e a mia madre:eek:: " ....e mo' che facciamo ?"​

    Mio marito e mio figlio chiedono a chi di dovere: "perchè , se proprio deve essere costruita questa torre,non scegliere un altro posto lontano dalle abitazioni e dai villeggianti?
    PENSATECI!!!!!!!!​

    Silvana​
     
  6. capodileuca
    capodileuca Utente
    Registrato:
    27 Dicembre 2002
    Messaggi:
    414
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Riprendo la mia risposta su questo argomento da un altro forum:

    "Salve a tutti.

    Piccola ma importante premessa: non sono esperto in campi elettromagnetici nè tanto meno dei danni provocati da antenne et simili.

    Veniamo al dunque.
    Lo sviluppo sostenibile di un territorio coniuga l'incremento dei servizi alla salvaguardia del territorio stesso e di chi ci vive.
    E' normale che le scelte operate non possono essere condivise da tutti. E' proprio per questo che ci si sta orientando sempre più, seguendo delle direttive comunitarie, a rendere i cittadini parte attiva delle decisioni, rendendoli in questo modo consapevoli delle varie scelte e responsabilizzandoli (è questo uno dei punti cardine della Valutazione Ambientale Strategica, a cui faceva riferimento il Presidente).

    Senza dubbio non possiamo pensare allo sviluppo di Torre Vado senza la copertura di servizi essenziali come possono essere quelli della fonia mobile e dei servizi associati (vivo in prima persona il disagio di dover spiegare a dei turisti increduli che in alcune zone del Capo di Leuca non c'è ancora internet ad alta velocità).

    Quindi in linea di massima non sono contrario all'installazione del ponte.
    A questo punto nascono però gli interrogativi (a cui, non essendo un tecnico del settore non so rispondere):
    -perchè proprio nel centro abitato? (l'unica motivazione plausibile che mi viene in mente e che si preferisca intervenire in luoghi già antropizzati, piuttosto che in zone ancora vergini).
    -che conseguenze sulla salute può avere l'antenna? Che studi ci sono al riguardo?
    -chi, come e quando provvederà alla misura delle emissioni dell'antenna? I dati saranno disponibili a tutti e in real time?
    -perchè la cittadinanza non è stata coinvolta sin dall'inizio (almeno attraverso le associazioni)?

    Attendiamo fiduciosi ulteriori sviluppi!"
     
  7. Nicola Simone
    Nicola Simone Utente
    Registrato:
    25 Marzo 2007
    Messaggi:
    279
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Ci sarà una risposta ?

    Salve capodileuca, puoi aspettare non avrai mai una risposta purtroppo, questo lo immagini anche te, ( la Gente non deve sapere) Ciao.
    Nicola Simone.
     
  8. Peter pan
    Peter pan Member
    Registrato:
    31 Luglio 2008
    Messaggi:
    23
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    :confused: Salve a tutti,

    anche a me sono venuti gli stessi dubbi che leggo nei vostri post e visto che nessuno ci illumina ho cercato di capire qualcosa da me e sono venuto a conoscenza che da un po’ di anni a questa parte, senza dubbio, la tendenza è quella di delocalizzare queste strutture in zone scarsamente edificate e addirittura con potenzialità edificatoria pressoché nulla (per fare un esempio cito le zone di rispetto cimiteriale, le zone di verde agricolo etc.).

    Inoltre diversi comuni, (chissà perché mi sono imbattuto solo in Comuni del Nord) sempre nel corso degli anni, hanno provveduto a munirsi di regolamenti con l’intento, all’occorrenza, di perseguire alcuni importanti obiettivi come la minimizzazione dell’esposizione all’inquinamento elettromagnetico, il contenimento degli impatti visivo e ambientale e non per ultima la trasparenza dell’informazione alla cittadinanza e l'attivazione di meccanismi di partecipazione alle scelte.

    Ed ora andiamo per ordine e veniamo a noi:
    ho visitato il sito del Comune di Morciano e, a meno di una svista, di regolamenti simili a quello anzi citato manco l’ombra;

    Sull’inquinamento elettromagnetico non credo sapremo mai con certezza quanto possa essere rischioso per la nostra salute….gli interessi economici in questo campo sono troppi perché ci si possa aspettare assoluta sincerità e trasparenza;

    Impatto visivo e ambientale…no comment…vedi forum “Sorgenti Libere” e le conclusioni sono inutili;

    Per quanto riguarda l’informazione ai cittadini e conseguente possibilità di partecipazione alla scelta (e qui mi rivolgo in particolare al signor Nello) c’è da tenere presente che qui nell’estremo Sud i cittadini tendono a calarsi in questo ruolo solo in prossimità delle elezioni quando ci si deve insultare o scannare per questa o quella lista, dopodichè amici come prima e ci si ritira in mistica contemplazione dalla cosa pubblica per i successivi cinque anni lasciando il “fastidio” delle decisioni problematiche e importanti ai cari amministratori che, diligentemente, si fanno carico di questo pesante fardello e se ne guardano bene dal sollecitare il loro coinvolgimento.

    Ma, al di là di tutte queste chiacchere dimenticavo, forse, la cosa più importante….i gestori degli impianti corrispondono ai concessionari dell’area un canone di affitto che di questi tempi di vacche magre non dispiace di sicuro….e come dice il proverbio…. “ogni petra ozza parite”!!! :D
     
  9. Nicola Simone
    Nicola Simone Utente
    Registrato:
    25 Marzo 2007
    Messaggi:
    279
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    ogni petra ozza parite ?

    Salve peter pan. tutto quanto ai scritto e verissimo per noi Gente del Sud.... tutti i 5 Anni ce un bla bla di tutti i cittadini, tutti sanno meglio degli altri... dopo tutta questa sapienza che dura 6 mesi, tutto finisce li amici come prima, di questo sono daccordo si deve essere Amici.
    il proverbio. "ogni petra ozza parite" questo e pure vero fino a quando si tratta di (petre naturali)
    Non credo che ce bisogno di dire altro, chi vuole capire cosa intendo non e difficile...
    Nicola Simone.
     
  10. Pantaleo
    Pantaleo TorreVado.info Staff
    Registrato:
    28 Luglio 2003
    Messaggi:
    2.379
    Mi Piace Ricevuti:
    1
    Richiesta sospensione lavori e spostamento impianto

    riceviamo e pubblichiamo... (in allegato il documento integrale)


    OGGETTO: Installazione antenna faro – zona Scalelle – Marina di Torre Vado
    Richiesta sospensione lavori e spostamento impianto


    Il gruppo consiliare di minoranza, facendo propri il malcontento e la volontà di numerosi cittadini
    morcianesi e non, residenti nella Marina di Torre Vado, si dichiara fermamente contrario
    all'installazione dell'impianto di una “torre faro” per telefonia mobile della società telefonica
    WIND nel parcheggio di via E. fermi, località Scalelle, zona centrale di Torre Vado.
    Esprime al Sindaco e all'Amministrazione tutta, lo sdegno per questa nuova opera pubblica
    realizzata ai danni del territorio della nostra Marina, già teatro di altri scempi paesaggistici.
    Deturpamenti ambientali che le stanno facendo perdere irrimediabilmente quella bellezza naturale
    che è il richiamo principale per i turisti che la scelgono come meta delle loro vacanze.
    Non si vuole mettere in dubbio l'utilità della telefonia mobile, ma occorre una regolamentazione e
    una pianificazione di tali impianti al fine di evitare abusi che si ripercuoteranno sul paesaggio,
    quindi sul turismo e sopratutto sulla salute degli abitanti.
    Le rassicurazioni riguardo la mancanza di effetti dannosi delle onde elettro-magnetiche per la
    salute dell'uomo non danno garanzia assoluta a tale riguardo. Sarebbe auspicabile quindi, in una
    materia così delicata, applicare il Principio di Precauzione, come il Diritto comunitario insegna,
    ma che sempre più spesso viene disatteso.
    Autorizzare la costruzione di un simile eco-mostro in tutta fretta, senza alcuna partecipazione
    pubblica, senza interpellare quantomeno i residenti della zona, suona come un insulto
    all'intelligenza e alla sensibilità di tutte quelle persone che in quel luogo hanno scelto di vivere,
    investire e lavorare.
    Indubbiamente il forte impatto ambientale in questa zona panoramica procurerà anche notevoli
    danni economici alle diverse strutture ricettive ivi presenti.
    Il Sindaco ha una sola arma per tutelare il nostro territorio nei confronti delle società telefoniche,
    le quali individuano e decidono nei nostri luoghi i siti ove costruire tali antenne: ha il diritto di
    indicare una località alternativa a quella decisa dalla compagnia telefonica, la quale non può
    opporre rifiuto a tale proposta.
    Questo era il solo strumento che si sarebbe dovuto attuare se si avesse avuto veramente a cuore la
    tutela dell'ambiente, della salute e il benessere di tutti i cittadini e del nostro territorio comunale.

    Per tali motivi
    S I C H I E D E
    l'immediata sospensione dei lavori e lo spostamento del suddetto impianto in un posto lontano
    da luoghi ad elevato afflusso turistico e di interesse naturale e storico-ambientale.
     

    Files Allegati:

Condividi questa Pagina