TISCALI ADSL: STORIA DI UN SERVIZIO(?) DISASTROSO

  1. anthony1984
    anthony1984 Utente
    Registrato:
    19 Giugno 2007
    Messaggi:
    5
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    In questo post racconterò la mia disavventura con l’ADSL di Tiscali (e non solo). Per quanto la vicenda sia complessa ed intricata, ne consiglio vivamente la lettura a tutti coloro che hanno intenzione di sottoscrivere un abbonamento con questa azienda.
    Tutto comincia nei primi giorni di giugno 2007: nella mia zona, sprovvista di copertura ADSL, si vociferava di un probabile aggiornamento della centrale Telecom per poter garantire questo importante servizio. Puntuale, arriva una telefonata di un operatore Tiscali che mi offre un abbonamento 640 kbps FLAT, affermando che erano appena stati ultimati i lavori sulla locale centrale telefonica. Controllando l’effettiva copertura su internet, scopro che sul sito di Tiscali era garantita (e si poteva quindi sottoscrivere l’abbonamento) mentre sul sito 187.it di Telecom (proprietaria della rete, sulla quale gli altri provider si appoggiano) stranamente no. Essendo stato nuovamente rassicurato telefonicamente, decido di aderire all’offerta di Tiscali ed effettuo la registrazione. Alcuni giorni dopo, in attesa dell’attivazione, mi accorgo invece che il mio contratto era stato cancellato all’improvviso.


    Immagine:
    [​IMG]
    70,56KB
    Decido quindi di chiamare il 130 (numero verde dell’azienda) per avere spiegazioni. Mi dicono di telefonare all’892130 (loro non sono in grado di spiegare alcunché!!!), assistenza tecnica ovviamente a pagamento. Qui scopro che la centrale Telecom in realtà non era ancora pronta, Tiscali non era in grado di erogare il servizio e quindi l’abbonamento era stato annullato d’ufficio. Oltre alla frustrazione per l’impossibilità di usufruire dell’ADSL, non meno importante è il fatto che, per completare la registrazione per un servizio rivelatosi inesistente, ho dovuto fornire dati personali anche piuttosto delicati, come i dettagli della carta di credito. Ad un mio fax di protesta, ha fatto poi seguito una risposta scritta che riporta la stessa giustificazione del call center, come potete leggere dalla scansione qui sotto. Nessun cenno al “furto” dei dati personali.


    Immagine:
    [​IMG]
    62,08KB
    A quel punto decido di inviare un fax anche a Telecom, per sapere se e quando sarebbe stato possibile usufruire del collegamento ADSL nella mia zona. Fax che apparentemente non ha risposta.
    Alcuni giorni dopo, ricevo nuovamente la stessa, identica telefonata dagli operatori Tiscali che mi offrono lo stesso abbonamento. Decido di sottoscriverlo, dopo aver minacciato un’azione legale nel caso fosse, ancora, solo un imbroglio. Specifico che la copertura, verificata su internet, era ancora fornita da Tiscali ma non da Telecom (quindi la situazione era apparentemente la stessa). Questa volta, però, la connessione viene effettivamente attivata il 19 luglio 2007. Con una lettera datata 16 luglio (3, e sottolineo 3 giorni prima dell’attivazione di Tiscali), Telecom risponde alle domande di cui sopra affermando che la copertura ADSL non era al momento disponibile e che, addirittura, non c’erano previsioni al riguardo, come potete leggere dalla scansione qui sotto. Da ciò si può rilevare il grado di serietà di questa azienda.


    Immagine:
    [​IMG]
    64,32KB
    Tornando alla mia connessione, inizialmente ero assolutamente soddisfatto del servizio: veloce, costante, senza alcun problema. Però ero tra i pochissimi, nel mio paese, ad aver attivato l’ADSL. Quando, qualche giorno dopo, sono iniziate le attivazioni degli abbonamenti “Alice” di Telecom(che nel frattempo aveva ufficializzato la copertura sul proprio sito), sono iniziati anche i problemi, sotto forma di bruschi rallentamenti della velocità di connessione durante la mattinata ed in particolare nel pomeriggio, fino a tarda serata. Pensavo che fosse un problema dovuto alla mole di traffico che intasa la centrale quando molti utenti sono connessi contemporaneamente. E soprattutto pensavo che fosse un problema di tutti. Quindi, inizialmente, non sono intervenuto. Purtroppo, però, i rallentamenti si facevano sempre più frequenti e gravi, fino a rendere la mia connessione più lenta di un normale 56kb. Tutto riscontrato tramite “Speedtest” di Tiscali. Inoltre, anche se di notte la banda effettiva era pressoché la massima disponibile, era evidente l’esistenza di un “filtro” che mi impediva di superare i 30-40KByte con qualsiasi software di file sharing, o p2p, anche con decine di fonti connesse. A quel punto, interpellando alcuni vicini di casa, utenti di “Alice”, ho scoperto che il loro collegamento non soffriva in alcun modo dei problemi del mio: infatti, effettuando qualsiasi speedtest sui loro PC, il valore risultante era sempre di 600-640kbps, in qualsiasi ora della giornata. Cominciavo a sospettare che Telecom stesse boicottando Tiscali. Ho subito inviato fax ed email di protesta con gli screenshot dei miei speedtest al servizio assistenza e ho contattato quest’ultimo anche telefonicamente (sempre a pagamento).


    Immagine:
    [​IMG]
    72,97KB
    Dopo qualche esitazione e dopo aver addebitato ad inesistenti miei errori di configurazione la responsabilità del malfunzionamento, mi è stato detto che avrebbero subito “aperto un intervento”. All’email invece ha fatto seguito la risposta che potete leggere sotto.


    Immagine:
    [​IMG]
    129,96KB
    Non riscontrando miglioramenti col passare dei giorni, ricontatto il centro assistenza, che mi informa che l’intervento è stato chiuso e che il problema è stato evidentemente risolto. Rispondo ovviamente che non è così e loro si impegnano ad “aprire un secondo intervento”,assicurando che, nel caso quest’ultimo non avesse risolto definitivamente il problema, avrei potuto disdire il contratto senza pagare la penale prevista (50 euro). Giorni dopo vengo contattato ed informato, per la seconda volta, dell’esito positivo e risolutore dell’intervento. Inutile dire che non è cambiato niente, anzi la velocità durante il pomeriggio cala sempre di più, impedendomi, spesso, di aprire anche una sola pagina web.
    Deluso e rassegnato, telefono per l’ultima volta (o almeno così pensavo) al solito 892130 chiedendo istruzioni per un’eventuale disdetta. Ma l’operatrice, incredula di fronte ai dati dei rilevamenti dello speedtest di Tiscali (stiamo parlando di 7-9-6 kbps) mi invita ad effettuare lo stesso tipo di prova ma su un altro sito da lei consigliato (ma perché?Quello di Tiscali non è attendibile?Non si fidano di loro stessi?) e a richiamare. Non riuscendo neanche a far partire il test (tempi di attesa enormi) richiamo immediatamente per sostenere con ancor più convinzione la mia tesi. Mi risponde un operatore al quale riesco ad estorcere la confessione: “sulla centrale dove Lei è collegato Telecom ci sta effettivamente “strozzando”, e non possiamo farci niente”. Gli chiedo perché dovrei pagare lo stesso canone di “Alice” per avere un servizio inesistente per 12 ore su 24. Mi comunica l’apertura dell’ennesimo intervento consigliandomi, se dovesse rivelarsi inutile anche questo, di passare a Telecom, “perché non c’è altra soluzione”.
    Mi chiedo se questa possa essere definita vera “concorrenza”. Io credo, e i fatti mi danno ragione, che semplicemente ci sia ancora un monopolista, Telecom, che gestisce a suo piacimento la rete nazionale, che ha il potere di decidere quali aree devono essere coperte dall’ADSL e quali no, a seconda della convenienza economica, e soprattutto che ha il potere di determinare la qualità del servizio offerto dai concorrenti, visto che Telecom è l’azienda proprietaria della rete sulla quale gli altri provider si “appoggiano” nella stragrande maggioranza dei casi (tranne, credo, nelle grandi città, dove hanno una rete propria). Bisogna anche sottolineare l’impotenza di tali provider, rappresentata nel mio caso dagli arrendevoli e rassegnati consigli dell’operatore che mi suggeriva il passaggio al monopolista. E allora perché tutte queste offerte, tutta questa pubblicità, tutte queste promesse, se poi tutte queste aziende (Tiscali, Wind, Tele2 ecc.) non hanno la possibilità di garantire un servizio adeguato? Basta girare un po’ i forum, di lamentele se ne trovano parecchie. Aggiungo, inoltre, che nella mia zona l’ADSL è ora disponibile grazie soltanto alla mobilitazione di un deputato locale, che, con un interrogazione parlamentare, ha sollecitato il governo a fare pressioni su Telecom affinché il servizio venisse esteso alle aree non coperte. Se non fosse stato per questa iniziativa, Telecom avrebbe probabilmente continuato ad ignorare (come ha fatto per anni) le continue richieste di noi cittadini.
    Concludo con lo screenshot di tutti i test di velocità effettuati sulla mia connessione, per documentare la gravità del problema. Ho appena chiuso la vicenda dando incarico al mio avvocato di inviare la disdetta. Probabilmente passerò ad “Alice” di Telecom. Che ancora una volta avrà raggiunto il suo obbiettivo.


    Immagine:
    [​IMG]
    116,33KB
     
  2. Chaos Entalpico
    Chaos Entalpico Utente
    Registrato:
    17 Settembre 2007
    Messaggi:
    1
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Altro paese, altra truffa, stesso operatore. Io sono di Casamassima, a 20 Km da bari, e l'ADSL esiste già da diversi anni. Con Telecom però sono arrivato ai ferri corti dopo due minacce da parte del mio legale (storia vecchia e lunghissima, non mi va di ricordare), così una buona volta ho deciso di cambiare gestore. Prima si è fatta avanti Tele 2, la quale ha raccolto informazioni sensibili e registrato la mia voce per avviare le pratiche di una attivazione scomparsa nel nulla.[8] Nel mese di maggio poi si fa avanti Tiscali con le stesse promesse di "banda garantita". Questa volta mi faccio furbo e decido di munire il mio telefono di registratore, così ho la prova tangibile delle sue finte promesse.[8D] Inizialmente tutto va per il meglio. I primi 3 mesi erano gratuiti. Scaduti questi, però, misteriosamente appaiono pesanti filtri sul traffico p2p di giorno ma anche di notte, con velocità degne di un 56k. Secondo te è anche questa colpa della Telecom? Io credo che alla Tiscali qualcuno si è fatto conti precisi in tasca. E intanto parte la mia disdetta, vedremo come andrà a finire...[}:)]
     
  3. anthony1984
    anthony1984 Utente
    Registrato:
    19 Giugno 2007
    Messaggi:
    5
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Per quanto riguarda la velocità in generale, sono stati loro stessi ad affermare che i rallentamenti (almeno sulla mia centrale) sono dovuti ad una sorta di boicottaggio da parte di Telecom, che ovviamente privilegia gli utenti di Alice. Se poi, in realtà, non hanno le risorse per garantire lo stesso servizio a tutti, ancora peggio, non dovrebbero promettere un bel niente. Il problema dei filtri sul p2p è reale e praticamente costante, nonostante loro continuino a ripetere che Tiscali non utilizza alcun tipo di filtro. Se poi in qualche modo Telecom riesce a strozzare anche questo tipo di traffico è un problema di Tiscali, non certo dei suoi utenti. Mi secca ammetterlo, ma non conviene assolutamente rivolgersi a questi provider (Tiscali,Libero,Tele2 ecc) perché, a parità di costo rispetto a Telecom, nella maggior parte dei casi, per un motivo o per un altro, si riceve un servizio notevolmente inferiore, semplicemente perchè c'é sempre Telecom a monte che ha la possibilità di controllare tutto. Come ho scritto sopra, basta cercare un pò nei forum per imbattersi nelle stesse lamentele, negli stessi problemi. La mia é semplicemente una constatazione di come stanno le cose, non certo un invito a fare contratti solo con Telecom. Se potessi liberarmi definitivamente di loro con un bel collegamento WiMax non ci penserei due volte...
     
  4. anthony1984
    anthony1984 Utente
    Registrato:
    19 Giugno 2007
    Messaggi:
    5
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Per correttezza devo dire che oggi ho ricevuto una telefonata dall'ufficio legale di Tiscali, che ha accettato la disdetta senza penali, visti i problemi subiti. Quindi, almeno sotto questo punto di vista, Tiscali ha rispettato le promesse.
     
  5. Luca
    Luca Utente
    Registrato:
    19 Dicembre 2004
    Messaggi:
    5
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Salve..
    volevo far presente anche la mia esperienza.. stesso paese (presumo Barbarano visto
    che non ne fai cenno) ma diverso operatore. Si tratta di Tele2.. la navigazione va piuttosto
    bene per essere una 640 ma questo probabilmente è dovuto al fatto che applicano
    dei filtri al P2P tra i più restrittivi (praticamente bloccato).
     
  6. portocello
    portocello New Member
    Registrato:
    6 Marzo 2008
    Messaggi:
    4
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Servizi Telecom - Alice

    Purtroppo non capisco i forti risentimenti di antony che visto l'anno di nascita (presumo 84) non può ricordare i nefasti tempi di SIP operatore monopolista in stile sovietico. Posso dire che se in Italia siamo ai piedi della croce la maggior parte della colpa è dello stato (ossia nostra) non dimentichiamoci che fino a pochi anni fa ci andava bene avere la SIP e pagare un sacco di soldi per fare le fantomatiche interurbane, mentre oggi tutti ti regalano pacchetti completi di chiamate VERSO TUTTA ITALIA e INTERNET, mentre nella telefonia mobile dove il servizio è nato sin da subito privato le cose vanno alla grande.
    La Telecom si è ritrovata privatizzata e a dover concorrere nel mercato offrendo le proprie linee alla concorrenza per poterle fare lavorare. E' come se tu sei direttore di un albergo con 3000 stanze di proprietà dello stato e dopo un pò viene venduto a te ma ti costringono a dare alcune stanze ad altri albergatori per il principio della concorrenza... MA SCUSA TU SARESTI STUPIDO A DAR LORO LE STANZE MIGLIORI PER TENERTI QUELLE PEGGIORI????
    Purtroppo in Italia quando si è trattato di fare scelte per il futuro
    - o si sono fatte con ritardi compromettenti
    - o si sono fatte quelle sbagliate (come per il nucleare)
    Poi noi Italiani siamo solo bravi a lamentarci del disservizio senza capire di chi è la causa e come risolverlo... Prendi quello che sta succedendo in Campania... loro non vogliono la spazzatura per le strade, non vogliono le discariche,non vogliono la differenziata, non vogliono i termovalorizzatori, non vogliono le ecoballe... ma pretendono che venga risolto il problema e magari che arrivi il mago merlino e tramuti la spazzatura in fiori da mettere nei cannoni delle truppe americane a Bagdad.
    PURTROPPO IO CHE HO UN PO' GIRATO L'ITALIA TI POSSO ASSICURARE CHE LE COSE NEI SERVIZI DELLA FONIA FISSA NON VANNO BENE NEMMENO PER COLORO CHE GARANTISCONO L'ULTIMO MIGLIO...
    A Torino avevo Fastweb a casa e pagavo un sacco di soldi... la fibra ottica funzionava alla grande ma se c'era un problemino ti toccava chiamare un numero a pagamento e dopo due o tre giorni di tentativi forse parlavi con un operatore.
    A casa a Casarano ho provato EUTELIA che ti mette in casa una sua linea con un filo diretto da loro centrali ma il risultato finale era che alla fine tutti i fine settimana il servizio non andava e in ufficio a Roma non c'era mai nessuno a risolvere i problemi... Poi la colpa era di TELECOM.
    Ora a casa ho Alice e devo dire che va bene... alla fine ho fatto una scelta per la linea che funziona meglio perchè se concorrenza per forza vuol dire disservizio allora sarebbe meglio rimanere senza il servizio...
     

Condividi questa Pagina