Torre Vado privatizzata? - Sorgenti Libere

  1. capodileuca
    capodileuca Utente
    Registrato:
    27 Dicembre 2002
    Messaggi:
    280
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Con sconcerto, navigando su FB, ho scoperto che rischiamo di vedere presto negato il diritto di accedere liberamente ad alcuni punti del nostro bellissimo mare (ad esempio Le Sorgenti) perchè è stato dato in concessione un tratto del litorale (per capirci meglio, sono in progetto degli stabilimenti balneari privati anche a Torre Vado)!

    E' vero tutto ciò? Esiste un piano spiagge anche per Torre Vado? Quali sono le zone interessate? Chi si è caricato di questa "responsabilità", quando e con quali criteri ciò è stato fatto?

    E soprattutto, se tutto ciò risponde al vero, quando si pensava di darne comunicazione alla comunità?

    Scelte del genere, che interessano la "res pubblica", devono essere condivise, non prese all'ombra, nelle stanze dei bottoni!

    Prego chi sia in possesso di notizie di tenere informati anche noi, comuni cittadini!!!!
     
  2. Nicola Simone
    Nicola Simone Utente
    Registrato:
    25 Marzo 2007
    Messaggi:
    205
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    il Mare e di tutti.

    Salve. voglio credere che tutto questo a odore di pesce D'Aprile... se fosse diversamente questo é uno scandalo di primo grado.... questo non si puo fare il Mare e di tutti, ripeto con quale diritto ?
    Nicola Simone.
     
  3. Pantaleo
    Pantaleo TorreVado.info Staff
    Registrato:
    28 Luglio 2003
    Messaggi:
    1.735
    Mi Piace Ricevuti:
    1
    Questa è una situazione che si è risolta a febbraio quando è emersa.

    leggetevi la seguente delibera del 20/02/2009 del Comune di Morciano di Leuca.
     

    Files Allegati:

  4. capodileuca
    capodileuca Utente
    Registrato:
    27 Dicembre 2002
    Messaggi:
    280
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    SOSPIRO DI SOLLIEVO!!!!

    Anche se mi lascia perplesso il fatto che nella delibera traspare il fatto che per alcuni il problema fosse che le concessioni non fossero state date ad operatori morcianesi ma ad imprenditori che venivano da fuori! Quasi a dire: se dobbiamo rovinare il territorio almeno facciamo guadagnare qualcuno del posto...
     
  5. Nicola Simone
    Nicola Simone Utente
    Registrato:
    25 Marzo 2007
    Messaggi:
    205
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    30 Febbraio ?

    Sono sempre io.. Insisto a dire e un pesce d'Aprile anche la delibera, lo letta ma é fasulla sembra fatta per non esistere, cio'é il semplice fatto che un 30 Febbraio no cé mai stato (esistito)
    N.Simone.
     
  6. capodileuca
    capodileuca Utente
    Registrato:
    27 Dicembre 2002
    Messaggi:
    280
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Penso sia un errore di battitura. Se apri la delibera vedrai la data corretta: 20 Febbraio.
     
  7. Pantaleo
    Pantaleo TorreVado.info Staff
    Registrato:
    28 Luglio 2003
    Messaggi:
    1.735
    Mi Piace Ricevuti:
    1
    vero, errore mio di battitura, è del 20 febbraio ora ho corretto....

    Nessun pesce di aprile, la stessa delibera la trovate nel sito ufficiale del comune di Morciano

    A presto
     
  8. Nicola Simone
    Nicola Simone Utente
    Registrato:
    25 Marzo 2007
    Messaggi:
    205
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Auguri.

    Ciao. si Pantaleo lo capito dall'inizio che e stato un'errore di battitura ( qui in Francese si dice Faut de frappe ) e di conseguenza o voluto semplicemente scherzarci sopra amichevolmente, e con tutto il mio rispetto che porto per te Pantaleo. e col mi prossimo questi sono i miei principi. Vi do a tutti gli Auguri per una felice Pasqua . comunque per Pasqua sono li a Morciano nella mia TorreVado .... Ciao a tuttiiiiiiiiiiiii
    Nicola Simone.
     
  9. Pantaleo
    Pantaleo TorreVado.info Staff
    Registrato:
    28 Luglio 2003
    Messaggi:
    1.735
    Mi Piace Ricevuti:
    1
    problemi a Torre Vado in zona sorgenti

    questa mattina in zona sorgenti a torre vado sono iniziati i lavori per la realizzazione di uno stabilimento balneare attrezzato a Torre Vado, tutta la popolazione si è mobilitata per fermare i lavori, è intervenuta l'amministrazione comunale.

    vi terrò informati sugli sviluppi
    [​IMG]
     

    Files Allegati:

  10. Pantaleo
    Pantaleo TorreVado.info Staff
    Registrato:
    28 Luglio 2003
    Messaggi:
    1.735
    Mi Piace Ricevuti:
    1
    per il bene comune della nostra marina in modo da dare il tempo di rivedere il tutto da parte dei nostri amministratori è necessario organizzare un comitato permanente a salvaguardia della costa in zona sorgenti.

    Invitiamo i cittadini e tutte le associazioni a recarsi da ora in località sorgenti a Torre Vado per discutere della situazione.

    l'unione fa la forza...

     
  11. Nicola Simone
    Nicola Simone Utente
    Registrato:
    25 Marzo 2007
    Messaggi:
    205
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Incredibile.

    Grazie Pantaleo. Sono senza parole, non voglio dire niente perché sarei accusato di parlare a vanvera..... Un Saluto.
    Nicola Simone.
     
  12. AnnaMaria
    AnnaMaria Utente
    Registrato:
    10 Febbraio 2003
    Messaggi:
    148
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Giu' Le Mani Dalle Sorgenti Di Torre Vado

    Non permettiamo di privarci del luogo più bello e particolare di Torre Vado.
    Le Sorgenti sono patrimonio di tutti.
    Vanno tutelate!
    Vanno pulite!
    Vanno rispettate!

    Non permettiamo a nessuno di decidere su un bene di tutti i morcianesi e di tutti coloro che ritornano ogni anno a Torre Vado, anche per la bellezza di località Sorgenti!

    Perchè rendere "commerciale" un luogo naturalistico così particolare, già frequentatissimo in tutti i periodi dell'anno?
    Perchè non scegliere invece altri luoghi della costa di torre vado completamente trascurati, rispettando comunque il TERRITORIO?

    Cerchiamo di essere tutti uniti per il bene del territorio, dei nostri figli e del loro futuro.

    ANNA MARIA
     
  13. Francesco
    Francesco Utente
    Registrato:
    11 Marzo 2006
    Messaggi:
    73
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    sara' stato un analogo episodio?

    Magari sara' successa la stessa cosa!
    Invece della fontana....
    le sorgenti!

     
    Ultima modifica di un moderatore: 28 Ottobre 2018
  14. Segretario
    Segretario Utente
    Registrato:
    27 Settembre 2007
    Messaggi:
    6
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Stabilimenti ? a Torre Vado e a Salve

    Quando il troppo storpia....

    e' tempo di dire basta.. con le buone ma sopratutto con le cattive... non solo a TORRE VADO ma anche a Salve!

    A Salve da sempre la spiaggia è piena di abusivi (lo ha detto pubblicamente un consigliere di maggioranza e l'opposizione) e l'Amministrazione non ha mai fatto nulla.. per motivi clientelari...

    Non fate lo stesso errore a TORREVADO.... BUTTIAMO A MARE QUESTE PEDANE O METTIAMOGLI FUOCO....
     
  15. capodileuca
    capodileuca Utente
    Registrato:
    27 Dicembre 2002
    Messaggi:
    280
    Mi Piace Ricevuti:
    0
     
    Ultima modifica di un moderatore: 28 Ottobre 2018
  16. Alida
    Alida Utente
    Registrato:
    24 Maggio 2005
    Messaggi:
    60
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Non ci credo! Per favore per chi è sul posto (se potessi verrei subito) FERMATELI!
     
  17. francescafg
    francescafg New Member
    Registrato:
    5 Marzo 2009
    Messaggi:
    4
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Nel mio paese è successa una cosa simile, un bar sito in una via centralissima, voleva costruire una saletta semi-permanente all'esterno, un impianto molto moderno che avrebbe sicuramente deturpato il centro storico, ci siamo battuti affinché ciò non avvenisse... e ci siamo riusciti, chiaramente però il barista è stato rimborsato per le spese di progettazione, perché il comune aveva accettato il progetto... come al solito, LE ISTITUZIONI SBAGLIANO E I CITTADINI NE PAGANO LE CONSEGUENZE!!! Ma la cosa importante è che si riesca a far valere i propri diritti...
     
  18. SoulHuntress
    SoulHuntress Utente
    Registrato:
    6 Novembre 2005
    Messaggi:
    42
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    è una vergogna! Spero che i cittadini vincano questa battaglia e dimostrino che non si può scavalcare il volere della cittadinanza! La prossima volta qualcuno ci penserà 2 volte prima di dare concessioni così alla leggera.
     
  19. 1deiquasi3500
    1deiquasi3500 Member
    Registrato:
    12 Maggio 2009
    Messaggi:
    6
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    scusate l'ignoranza, ma da quanto vedo mi pare che le pedane siano in legno con appoggio in ferro e quindi si possono tranquillamente rimuovere..(o con le buone o con le cattive ;)) detto ciò, queste costruzioni non potrebbero rendere l'accesso alle sorgenti più semplice e soprattutto più comode per chi magari è meno giovane o addirittura ha qualche diversità???
     
  20. 1deiquasi3500
    1deiquasi3500 Member
    Registrato:
    12 Maggio 2009
    Messaggi:
    6
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    ah ho letto ora tutti gli altri messggi, e non avevo compreso che si volesse privatizzare il posto.. a questo punto proporrei di passare alle maniere cattive..ma poi perchè nei comizi non era stata accennata sta cosa???
     
  21. capodileuca
    capodileuca Utente
    Registrato:
    27 Dicembre 2002
    Messaggi:
    280
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Si può sapere, per cortesia, quante altre concessioni esistono a Torre Vado e dove con precisione?
    Era la prima domanda della discussione (aperta qualche mese fa) ma ancora nessuno mi ha risposto!
     
  22. Wtrotta
    Wtrotta Utente
    Registrato:
    28 Ottobre 2007
    Messaggi:
    484
    Mi Piace Ricevuti:
    1
    Legge Piano Coste

    (admin: non inserite link non autorizzati sopratutto se non raggiungibili grazie)
     
  23. AnnaMaria
    AnnaMaria Utente
    Registrato:
    10 Febbraio 2003
    Messaggi:
    148
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Disciplina della tutela e uso della costa, legge regionale n. 17 del 23 giugno 2006
    ecco il testo integrale della legge.
    PARTE PRIMA
    LEGGE REGIONALE 23 giugno 2006, n. 17
    “Disciplina della tutela e dell’uso della costa”.
    IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE
    PROMULGA
    La seguente legge:
    TITOLO I
    PRINCIPI GENERALI E PIANIFICAZIONE
    Art. 1
    (Oggetto e principi generali)
    1. Nell’ambito della gestione integrata della costa, la presente legge disciplina l’esercizio delle
    funzioni amministrative connesse alla gestione del demanio marittimo e delle zone del mare territoriale
    conferite dallo Stato ai sensi dell’art. 117 della Costituzione, individuando le funzioni trattenute in
    capo alla Regione e quelle conferite ai Comuni e alle Province.
    2. Per gestione integrata della costa s’intende il concorso della pluralità di interessi pubblici, ai
    diversi livelli territoriali, nella valutazione delle azioni programmatiche finalizzate all’uso, alla
    valorizzazione e alla tutela del bene demaniale marittimo.
    3. Per gestione del demanio marittimo e delle zone del mare territoriale s’intendono tutte le attività
    e i compiti individuati dall’articolo 105, comma 2, lettera l), del decreto legislativo 31 marzo
    1998, n. 112 (Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle Regioni e agli enti
    locali, in attuazione del capo I della legge 15 marzo 1997, n. 59) e successive modificazioni , in attuazione
    dell’articolo 117 della Costituzione, così come modificato dalla legge costituzionale 18
    ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione).
    4. L’azione regionale in materia di demanio marittimo si conforma ai seguenti principi:
    a) salvaguardia, tutela e uso eco-sostenibile
    dell’ambiente;
    b) pianificazione dell’area costiera;
    c) accessibilità ai beni del demanio marittimo e al mare territoriale per la loro libera fruizione;
    d) semplificazione dell’azione amministrativa;
    e) trasparenza delle procedure e partecipazione
    alla definizione degli indirizzi;
    f) integrazione tra i diversi livelli della Pubblica amministrazione, attraverso forme di cooperazione e di concertazione;
    g) decentramento amministrativo dei compiti e delle funzioni connesse;
    h) sviluppo armonico ed eco – compatibile del turismo balneare.
    5. Sono escluse dalla competenza regionale:
    a) le aree del demanio marittimo e del mare territoriale necessarie all’approvvigionamento
    di fonti di energia, ai sensi del d.lgs. 112/1998;
    b) i porti e le aree espressamente dichiarate di preminente interesse nazionale in relazione agli interessi della sicurezza dello Stato e alle esigenze della navigazione marittima, identificati dalla normativa vigente e dalle intese tra Stato e Regione Puglia; 10568 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 79 del 27-6-2006 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 79 del 27-6-2006 10569
    c) i porti di rilevanza economica internazionale e nazionale, come classificati dall’articolo 4 della legge 28 gennaio 1994, n. 84 (Riordino della legislazione in materia portuale) e successive modificazioni;
    d) le aree e i porti ricadenti nella circoscrizione delle Autorità portuali, istituite ai sensi dell’articolo 6 della l.r. 84/1994.
    Art. 2
    (Pianificazione)
    1. L’esercizio delle funzioni di cui all’articolo 1, comma 1, ha luogo sulla base della pianificazione
    che si articola nei livelli regionale e comunale.
    2. Il processo di pianificazione ha luogo con la collaborazione delle Province, sentite le associazioni portatrici di interessi generali in materia ambientale, territoriale e turistica.
    Art. 3
    (Piano regionale delle coste)
    1. La pianificazione regionale si attua mediante il Piano regionale delle coste (PRC).
    2. Il PRC, previa ricognizione dello stato attuale del bene e delle sue caratteristiche fisiche,
    nonché dei Piani territoriali di coordinamento provinciali, laddove approvati, e dei Piani territoriali regionali, generali e di settore, disciplina, in attuazione degli indirizzi fissati a tal fine dalla Giunta regionale, sentite le Province territorialmente competenti, le attività e gli interventi sul demanio marittimo e sulle zone del mare territoriale , per garantirne la valorizzazione e la conservazione dell’integrità fisica e patrimoniale.
    3. Il PRC contiene gli studi, le indagini e i rilievi sulle dinamiche naturali del sistema geomorfologico e meteomarino, nonché le linee guida per la progettazione delle opere di ingegneria costiera, quali: opere di difesa, porti turistici e cave di mare per il prelievo di sabbia da destinare al rifacimento degli arenili in erosione.
    4. La Regione, entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, emana apposito regolamento che disciplina le procedure per l’esame e l’approvazione delle opere di ingegneria costiera, nonché per il rilascio delle relative concessioni demaniali marittime.
    5. Entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, la Giunta regionale
    adotta il PRC.
    6. Entro trenta giorni dalla data di adozione del PRC, i Comuni, le Province e gli altri soggetti di cui
    all’articolo 2, comma 2, possono far pervenire alla Regione osservazioni e proposte integrative.
    7. Entro trenta giorni dallo scadere del termine
    di cui al comma 6, la Giunta regionale, pronunciandosi anche sulle proposte e osservazioni pervenute,
    predispone il PRC per la successiva approvazione da parte del Consiglio regionale.
    8. Il Piano acquista efficacia dal giorno successivo a quello della sua pubblicazione sul Bollettino
    ufficiale della Regione Puglia.
    9. Le varianti al PRC sono approvate con le medesime procedure utilizzate in sede di prima
    approvazione.
    Art. 4
    (Piano comunale delle coste)
    1. Ai principi e alle norme del PRC devono essere conformati i Piani comunali delle coste
    (PCC), ancorché approvati e/o predisposti per effetto di norme regionali previgenti.
    2. Entro quattro mesi dalla data di approvazione del PRC, la Giunta comunale adotta il Piano comunale
    delle coste ovvero adegua quello previgente, dandone ampia pubblicità. Il Piano è depositato
    presso la Segreteria comunale e posto in visione di chiunque ne faccia richiesta.
    3. Le eventuali osservazioni devono essere presentate presso il Comune entro trenta giorni dalla
    data di deposito.
    4. Entro e non oltre trenta giorni dallo scadere del termine di cui al comma 3, il Consiglio comunale
    approva il PCC, pronunciandosi anche sulle proposte e osservazioni pervenute.
    5. Ai fini della verifica di compatibilità al PRC, il PCC approvato viene inviato alla Giunta regionale,
    che si pronuncia entro il termine di sessanta giorni dalla data di ricezione, decorso il quale l’esito
    s’intende favorevole.
    6. Il PCC, ai fini dell’efficacia, è approvato in via definitiva dal Consiglio comunale, in conformità
    alla deliberazione della Giunta regionale.
    7. Le varianti al PCC sono adottate con le medesime procedure utilizzate in sede di prima
    approvazione.
    8. Qualora i Comuni non provvedano entro i termini stabiliti, previa diffida ad adempiere entro
    sessanta giorni e scaduto tale ulteriore termine, il Presidente della Giunta regionale, su proposta dell’Assessore competente, nomina con proprio decreto un Collegio di tecnici regionali, con funzione
    di Commissario ad acta, per la redazione e approvazione del PCC.
    9. Il Collegio di cui al comma 8 è presieduto dal dirigente del Settore demanio e patrimonio, o suo
    delegato, ed è composto da:
    a) un tecnico del Settore demanio e patrimonio;
    b) un tecnico del Settore urbanistico;
    c) un tecnico del Settore ecologia e ambiente;
    d) un tecnico della Provincia competente;
    e) un tecnico comunale.
    10. Le spese riconosciute in favore dei componenti del Collegio sono quantificate nella misura
    percentuale, stabilita dall’articolo 18, comma 2, della legge 11 febbraio 1994, n. 109 (Legge quadro
    in materia di lavori pubblici) e successive modificazioni e integrazioni, della tariffa professionale
    vigente degli ingegneri e architetti, sulla base del numero di abitanti nel periodo estivo fornito dal
    Comune, e sono poste a carico del Comune inadempiente.
    11. I PCC possono essere presentati con le stesse modalità da più Comuni consorziati limitrofi o dalle
    Unioni dei Comuni ove esistenti.
    Art. 5
    (Funzioni della Regione)
    1. La Regione esercita le seguenti funzioni amministrative che necessitano di unitario esercizio
    a livello regionale:
    a) programmazione, indirizzo e coordinamento generale;
    b) individuazione delle aree di tutela e di conservazione ambientale;
    c) gestione del sistema informativo del demanio (SID);
    d) supporto e consulenza ai Comuni costieri;
    e) monitoraggio e verifica dell’attività dei Comuni costieri;
    f) rilascio della concessione di beni demaniali richiesti nell’uso del Comune medesimo;
    g) esercizio dei poteri sostitutivi;
    h) esercizio di attività qualificate regionali dal PRC;
    i) rilascio di concessioni demaniali marittime per la realizzazione di opere di ingegneria costiera.
    2. L’espletamento delle attività di competenza regionale è assicurato dal Settore demanio e patrimonio.
    Art. 6
    (Funzioni dei Comuni)
    1. È conferito ai Comuni costieri l’esercizio di tutte le funzioni amministrative relative alla materia
    del demanio marittimo, fatte salve quelle espressamente individuate all’articolo 5.
    2. I Comuni trasmettono alla Regione, entro il 28 febbraio di ogni anno, una relazione sull’esercizio
    delle funzioni amministrative conferite, con riferimento all’anno precedente.
    3. Le funzioni del comma 1 possono essere esercitate dai Comuni costieri in forma singola o
    associata.
    10570 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 79 del 27-6-2006
    Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 79 del 27-6-2006 10571
    TITOLO II
    DISPOSIZIONI GENERALI
    Art. 7
    (Sistema informativo del demanio – SID)
    1. Il Sistema informativo del demanio marittimo (SIS) rappresenta lo strumento condiviso per la gestione unitaria informatizzata dei dati relativi all’amministrazione del Demanio marittimo, al fine di consentire la puntuale identificazione e conoscenza del suo reale stato d’uso.
    2. La Regione, a seguito di autorizzazione del Ministero dei trasporti e della navigazione, favorisce
    e promuove l’utilizzo del SID a livello comunale, ai fini della concreta operatività del conferimento
    di cui all’articolo 6, comma 1. L’accesso al SID è consentito a ciascuna Provincia per l’esercizio
    dell’attività di vigilanza sul territorio di competenza.
    3. I Comuni hanno l’obbligo di operare sul SID, trasmettendo alla Regione anche copia integrale
    delle concessioni rilasciate, in forma cartacea e con cadenza quindicinale.
    4. Il SID rappresenta, a regime, lo strumento per fornire servizi web al pubblico, consentendo la
    consultazione e la visualizzazione dei dati accessibili.
    Art. 8
    (Domanda per la concessione)
    1. La domanda per ottenere il rilascio, il rinnovo e la variazione della concessione deve essere
    rivolta al Comune territorialmente competente.
    2. La domanda, prodotta secondo procedura SID, deve specificare sia l’uso che il richiedente
    intende fare del bene demaniale, sia la durata della concessione richiesta.
    3. La domanda per il rilascio e la variazione della concessione deve essere corredata di una
    perizia giurata a firma di tecnico abilitato, riportante la descrizione, anche fotografica, dello stato
    dei luoghi ante operam e una simulazione, mediante trasposizione, dalla quale si possa rilevare l’impatto
    ambientale post operam.
    4. Alla domanda devono essere allegati, inoltre, la certificazione antimafia e la documentazione
    idonea a dimostrare l’assenza di sentenza di condanna penale passata in giudicato per reati non colposi
    e di provvedimenti definitivi di misure di prevenzione.
    5. L’avvio del procedimento è subordinato al pagamento del contributo per spese di istruttoria,
    determinato ai sensi del Disciplinare approvato con deliberazione della Giunta regionale 9 dicembre
    1997, n. 9074, attuativo della legge regionale 26 aprile 1995, n. 27 (Disciplina del demanio e del
    patrimonio regionale).
    6. Al fine di accedere a provvidenze pubbliche il concessionario può chiedere, con motivata
    istanza, il rinnovo anticipato del titolo concessorio.
    Art. 9
    (Concorso di domande)
    1. Nel caso di più domande riguardanti, in tutto o in parte, la stessa area o bene è effettuata, in via
    combinata e ponderale, in relazione alla tipicità delle aree medesime, la comparazione valutando in
    particolare le caratteristiche del progetto in ordine alla tutela del paesaggio e dell’ambiente, all’utilizzo
    di materiali e tecnologie eco - compatibili e di facile rimozione, all’incremento del livello occupazionale,
    alle concessioni dichiarate decadute o revocate in contrasto con il PCC. In caso di parità, si procede a licitazione privata tra i concorrenti.
    Art. 10
    (Rilascio e durata della concessione)
    1. Il rilascio, il rinnovo e la variazione della concessione ha luogo nel rispetto del PCC approvato,
    del codice della navigazione, del regolamento per l’esecuzione del codice della navigazione, delle
    leggi statali e regionali, con riferimento particolare alla legge 4 dicembre 1993, n. 494 (Conversione in
    legge, con modificazioni, del decreto-legge 5 ottobre 1993, n. 400, recante disposizioni per le
    determinazione dei canoni relativi a concessioni demaniali marittime), così come modificata dall’articolo
    10 della legge 16 marzo 2001, n. 88 e dalla legge 29 marzo 1001, n. 135.
    2. Il termine per l’emissione del provvedimento è fissato, al massimo, in novanta giorni decorrenti
    dalla data di acquisizione dell’ultimo parere.
    3. Sono destinatari di concessione demaniale marittima l’Ente pubblico e i soggetti privati.
    4. Il parere di cui all’articolo 12 del regolamento per l’esecuzione del codice della navigazione
    è espresso dagli Uffici tecnici dei Comuni competenti ovvero, in avvalimento, dal Settore
    regionale demanio e patrimonio.
    5. Le concessioni per la realizzazione delle strutture dedicate alla nautica da diporto sono rilasciate
    secondo le procedure di cui al decreto del Presidente della Repubblica 2 dicembre 1997, n.
    509 (Regolamento che disciplina il procedimento di concessione di beni del demanio marittimo per la
    realizzazione di strutture dedicate alla nautica di diporto). Fino alla ridefinizione della materia, la
    Regione assume direttamente la responsabilità dei procedimenti di esame dei progetti preliminari,
    nonchè di approvazione dei progetti definitivi, ai sensi del comma 10 dell’articolo 5 e del comma 4
    dell’articolo 6 del d.p.r. 509/1997. Tale disposizione si applica anche ai procedimenti avviati su
    istanze presentate prima della data di entrata in vigore della presente legge, per le quali non siano
    state attivate le Conferenze dei servizi per l’esame e l’approvazione dei progetti.
    6. La durata delle concessioni per finalità turistico- ricreativa è fissata ordinariamente in anni sei.
    Per le altre finalità produttive non turistico-ricreative la durata della concessione è, invece, fissata in
    relazione ai piani di investimento e ammortamento proposti dai richiedenti.
    7. Per le concessioni non produttrici di reddito la relativa durata è stabilita dai PCC.
    Art. 11
    (Obblighi del concessionario)
    1. Al concessionario è fatto obbligo di garantire:
    a) l’accesso al mare da parte dei soggetti diversamente abili, con la predisposizione
    di idonei percorsi perpendicolari alla battigia, a meno di particolari condizioni geomorfologiche e ambientali;
    b) i servizi minimi (igienico-sanitari, docce,chiosco-bar, direzione). Gli stessi se prefabbricati
    “in serie” e di uso temporaneo (da rimuovere dunque al termine della stagione estiva) sono assentiti con la sola concessione demaniale, ferme restando le procedure della denuncia inizio attività (DIA) e le competenze dell’Agenzia delle dogane;
    c) il salvamento;
    d) il parcheggio agli utenti, fatti salvi i casi di comprovata impossibilità per le concessioni esistenti;
    e) il transito libero e gratuito al pubblico, per l’accesso alla battigia e al mare territoriale,
    qualora non esistano accessi alternativi in un ambito non superiore a metri 150, fatti salvi i casi particolari indicati nel PCC;
    f) il mantenimento della pulizia delle aree limitrofe a quelle concesse, per una larghezza
    non inferiore a metri venti, su ciascun lato durante il periodo di sua attività.
    2. Gli obblighi indicati al comma 1, lettere a),b), c), d) ed e) devono essere pubblicizzati mediante
    l’esposizione di apposito cartello ben visibile.
    3. In presenza di relitti di aree retrostanti, antistanti o laterali a quella richiesta o già concessa, è
    fatto obbligo al concessionario di acquisirle comunque in concessione, pena la revoca della concessione
    ovvero il diniego della domanda di concessione.
    10572 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 79 del 27-6-2006
    Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 79 del 27-6-2006 10573
    4. La gestione di stabilimenti balneari e di altre strutture connesse alle attività turistiche ricadenti
    su aree demaniali regolarmente concesse è consentita per l’intero anno, al fine di svolgere
    attività collaterali alla balneazione, con facoltà di mantenere le opere assentite, ancorché precarie,
    qualora, prima della scadenza della concessione, sia stata prodotta regolare istanza di rinnovo e,
    comunque, sino alle relative determinazioni dell’autorità competente.
    Art. 12
    (Revoca, decadenza e sospensione della concessione)
    1. La concessione può essere revocata, in tutto o in parte, ovvero dichiarata decaduta, al ricorrere
    delle circostanze di cui agli articoli 42 e 47 del codice della navigazione.
    2. La concessione è comunque revocata, in qualunque momento, per sopravvenute ragioni di pubblico
    interesse, per condanne relative a reati di inquinamento ambientale che comportano un danno
    non rimediabile e, comunque, al verificarsi degli eventi che ne avrebbero determinato il diniego. In
    caso di revoca per sopravvenute ragioni di interesse pubblico, sorge il diritto alla restituzione della
    quota parte del canone di concessione pagato e non utilizzato, nonché il diritto di precedenza, a parità
    delle condizioni di cui all’articolo 9, sulla concessione di nuove aree.
    3. L’inosservanza nei confronti dei lavoratori delle previsioni di legge e dei Contratti collettivi di
    lavoro stipulati dalle Organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale
    comporta, a seguito dell’accertamento definitivo in sede giurisdizionale, la diffida da parte dei
    competenti uffici a regolarizzare la posizione del concessionario nel termine perentorio di novanta
    giorni. In caso di mancata ottemperanza, la concessione è dichiarata decaduta.
    4. L’esercizio della concessione è temporaneamente limitato o sospeso per speciali motivi di interesse
    pubblico o altre motivate esigenze. Il mancato rispetto delle prescrizioni contenute nel provvedimento
    di sospensione comporta la decadenza della concessione.
    5. Avverso i provvedimenti adottati dai Comuni gli interessati possono produrre ricorso al Settore
    demanio della Regione Puglia.
    Art. 13
    (Affidamento in gestione – Sub-ingresso)
    1. L’autorizzazione all’affidamento di cui all’articolo 45 bis del codice della navigazione è
    rilasciata, previa verifica dei requisiti di cui all’articolo 8, comma 4:
    a) per le attività secondarie di bar, di ristorazione, di pulizia e salvamento;
    b) per l’intera attività oggetto della concessione, limitatamente ad un’unica stagione
    balneare e per una volta soltanto nell’ambito della durata ordinaria della concessione.
    2. L’autorizzazione al sub–ingresso di cui all’articolo 46 del codice della navigazione è rilasciata,
    previa verifica dei requisiti di cui all’articolo 8, comma 4, e di quelli di idoneità tecnica ed economica,
    limitatamente a una sola volta in relazione all’area concessa, per ogni arco temporale di anni sei.
    3. Sono fatti salvi il caso di cui all’ultimo comma dell’articolo 46 del codice della navigazione
    e di trasferimento della concessione tra coniugi e parenti fino al 2° grado.
    Art. 14
    (Autorizzazione ex articolo 55 del codice della navigazione)
    1. Allo scopo di assicurare il libero accesso al demanio marittimo, le autorizzazioni ex articolo 55
    del codice della navigazione vengono rilasciate previa verifica di compatibilità con le previsioni del
    PRC e dei PCC.
    2. I relativi pareri espressi dalla Regione e dal Comune, nel termine di giorni novanta dalla richiesta,
    sono vincolanti ai fini del rilascio dell’autorizzazione da parte dell’autorità competente.
    Art. 15
    (Vigilanza)
    1. Ferme restando le funzioni di polizia marittima disciplinate dal codice della navigazione e dal
    regolamento per l’esecuzione del codice della navigazione, le funzioni di vigilanza sull’uso in concessione
    delle aree del demanio marittimo e delle zone del mare territoriale sono esercitate anche dalla
    Regione, dalle Province e dai Comuni, nell’ambito delle rispettive competenze.
    2. Le Amministrazioni individuano apposito personale cui attribuire, nelle forme di legge, la
    qualifica di Ufficiale e Agente di Polizia giudiziaria.
    3. Chiunque, fra gli organi di polizia indicati ai commi 1 e 2, accerti che sulle aree demaniali marittime
    o sulle zone di mare territoriale in concessione
    sono state eseguite opere non autorizzate o che le aree o le zone stesse sono utilizzate senza titolo o in
    difformità dal titolo concessorio, ne dà comunicazione alla competente autorità amministrativa, per i
    provvedimenti previsti dagli articoli 54 e 55 del codice della navigazione, nonché alla competente
    autorità giudiziaria.
    4. All’attuazione delle procedure di cui all’articolo 54 del codice della navigazione provvedono, in
    danno, i Comuni e, nei casi di conclamata inerzia, la Regione attraverso le proprie strutture.
    5. Nell’impossibilità a provvedervi direttamente, la Regione si avvale dell’autorità militare.
    6. La Regione verifica l’esercizio delle funzioni da parte dei Comuni mediante il controllo a campione
    delle concessioni e delle autorizzazioni rilasciate.
    7. Indipendentemente dal controllo a campione di cui al comma 6, la Regione effettua verifiche di
    conformità ogniqualvolta venga a conoscenza di irregolarità o di inadempienze.
    8. Nei casi di accertata inerzia o inadempienza del Comune, su proposta dell’Assessore competente,
    il Presidente della Giunta regionale, previa diffida ad adempiere, nomina, con proprio decreto,
    un Commissario ad acta.
    TITOLO III
    NORME TRANSITORIE
    E FINANZIARIE
    Art. 16
    (Norme di salvaguardia e prime direttive per la predisposizione dei Piani)
    1. È vietato il rilascio, il rinnovo e la variazione di concessione demaniale nelle seguenti aree e relative
    fasce di rispetto:
    a) lame;
    b) foci di fiume o di torrenti o di corsi d’acqua, comunque classificati;
    c) canali alluvionali;
    d) a rischio di erosione in prossimità di falesie;
    e) archeologiche e di pertinenza di beni storici e ambientali.
    2. Nelle aree classificate siti di interesse comunitario (SIC) e zone di protezione speciale (ZPS.) o
    comunque classificate protette, nonché nelle aree di cordoni dunali e di macchia mediterranea, il rilascio
    e la variazione della concessione demaniale è subordinato alla preventiva valutazione favorevole
    d’incidenza ambientale effettuata dal competente Ufficio regionale, salvo i casi previsti da apposito
    regolamento regionale.
    3. In attuazione dell’articolo 1, comma 4, lett. c) e al fine di evitare pregiudizio all’uso pubblico, è
    vietata la realizzazione di recinzioni sul demanio marittimo. Entro tre mesi dalla data di entrata in
    vigore della presente legge, le recinzioni non autorizzate devono essere rimosse a cura e spese del
    concessionario. Il mancato adempimento è motivo di esecuzione di ufficio e di decadenza della concessione.
    In fase di prima applicazione della pre- 10574 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 79 del 27-6-2006
    Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 79 del 27-6-2006 10575
    sente legge, le recinzioni autorizzate possono permanere, a condizione che non costituiscano impedimento
    all’accesso all’arenile, per il rispetto dell’articolo 11, comma 1, lettera e); le opere di urbanizzazione
    realizzate dai Comuni a delimitazione del demanio marittimo devono, comunque, consentire
    il libero accesso allo stesso a intervalli non superiori a metri 150.
    4. Allo scopo di garantire il corretto utilizzo delle aree demaniali marittime per le finalità turistico-
    ricreative, una quota non inferiore al 60 per cento del territorio demaniale marittimo di ogni singolo
    comune costiero è riservata a uso pubblico e alla libera balneazione.
    5. Il valore percentuale di cui al comma 4 è determinato in metri lineari, con riferimento alla
    linea di costa, ed è calcolato:
    a) al netto della porzione di costa inutilizzabile e non fruibile ai fini della balneazione,
    di quella portuale e di quella riveniente dall’applicazione dei limiti e divieti di cui al comma 1;
    b) al lordo dei servizi (parcheggi, igienico–sanitari).
    6. Possono essere realizzate strutture classificate “spiaggia libera con servizi” nella misura non
    superiore al 40 per cento della zona destinata a uso pubblico e alla libera balneazione di cui ai commi 4
    e 5. Per spiaggia libera con servizi deve intendersi l’area demaniale marittima in concessione al soggetto
    che eroga servizi legati alla balneazione, con la condizione che almeno il 50 per cento della
    superficie concessa e del relativo fronte mare restino liberi da ogni attrezzatura del gestore.
    7. I PCC, compatibilmente con gli indirizzi del
    PRC di cui al comma 2 dell’articolo 3 e le direttive e norme di salvaguardia di cui ai commi 1, 2, 3, 4, 5, 6
    e 8 del presente articolo, individuano nella quota concedibile l’intera superficie o parte di essa non
    inferiore al 50 per cento delle aree demaniali in concessione, confermandone la titolarità, fatte salve le
    circostanze di revoca e decadenza di cui all’articolo 12. Le concessioni già assentite in contrasto con il
    PCC al loro scadere non sono più rinnovate. Il Piano, anche in deroga ai limiti di cui al comma 4, individua
    apposite aree demaniali da destinare alla variazione o traslazione dei titoli concessori non rinnovati. In ogni
    caso, ai concessionari viene riconosciuto il diritto di continuare a esercitare la propria attività per i tre anni
    successivi all’entrata in vigore del PCC.
    8. Negli ambiti demaniali di più facile accesso, principalmente nei centri abitati o a ridosso di essi,
    devono essere individuati nei PCC una o più aree da destinare alla pubblica fruizione.
    9. La Regione, in fase di predisposizione del PRC, provvede a classificare la valenza turistica del
    territorio costiero, ai sensi dell’articolo 6 del decreto del .Ministro dei trasporti e della navigazione
    del 5 agosto 1998, n. 342 (Regolamento recante norme per la determinazione dei canoni
    relativi a concessioni demaniali marittime per finalità turistico-ricreative).
    10. I Comuni individuano nel PCC le aree connesse alle attività sul demanio marittimo da destinare
    a pubblici servizi, definendo, in particolare, quelle destinate a parcheggio, a servizi igienici e a
    primo soccorso.
    11. La disponibilità delle aree di cui al comma 10 può essere assentita a mezzo “consegna” a titolo
    gratuito, ai sensi dell’articolo 34 del codice della navigazione, come modificato dall’articolo 1,
    comma 40, della legge 15 dicembre 2004, n. 308.
    12. Con riferimento all’articolo 9, comma 1, per “facile rimozione” va inteso, a integrazione di
    quanto indicato nella circolare del Ministero dei trasporti e della navigazione 24 maggio 2001, n 120,
    l’assemblaggio di elementi componibili, integralmente recuperabili, senza utilizzo di materiali
    cementanti di qualsiasi genere.
    Art. 17
    (Norme transitorie)
    1. Fino all’approvazione del PRC ai Comuni tutti è consentito:
    a) il rinnovo delle concessioni rilasciate, per la durata e per le condizioni identiche a quelle in scadenza;
    b) il rinnovo di concessioni annuali, con clausola di precarietà, per la durata di anni
    sei con il medesimo vincolo di precarietà;
    c) il rilascio di autorizzazione per il commercio itinerante e per manifestazioni e spettacoli;
    d) il rilascio di autorizzazione temporanea per l’affidamento in gestione di aree demaniali in concessione ai Comuni medesimi, con obbligo di rimozione e ripristino dello stato dei luoghi;
    e) il rilascio di autorizzazione per la realizzazione di servizi igienici e di opere connesse
    all’eliminazione di barriere architettoniche, anche in eccedenza alle volumetrie già assentite;
    f) il rilascio di concessione al sub – ingresso e di autorizzazioni ai sensi dell’articolo
    24 del regolamento per l’esecuzione del codice della navigazione.
    2. Fino all’approvazione dei PCC i Comuni applicano, nell’attività concessoria, esclusivamente
    le disposizioni rivenienti dal PRC.
    3. In caso di reiterata violazione degli obblighi di cui all’articolo 11, comma 1, lettere a), b), c) ed
    e), si avvierà la procedura di decadenza.
    4. Al fine di garantire la continuità amministrativa, la Regione continua a esercitare l’attività concessoria
    per le istanze già acquisite alla data di entrata in vigore della presente legge, fino alla effettiva
    consegna ai Comuni dei rispettivi fascicoli di competenza.
    5. Nelle more dell’attivazione del SID, i Comuni trasmettono copia integrale delle concessioni
    rilasciate, oltre che in forma cartacea e con cadenza quindicinale, anche su supporto informatico
    secondo le indicazioni della Regione.
    Art. 18
    (Riparto risorse economiche)
    1. Le concessioni sono soggette al pagamento del canone nella misura stabilita dalla normativa
    statale, incrementato del 10 per cento quale imposta regionale aggiuntiva.
    2. Pari incremento è applicato alle somme corrisposte per indennizzo.
    3. A esclusione del canone, tutte le imposte rivenienti dall’attuazione della presente legge sono
    introitate dai Comuni e dalla Regione secondo le aliquote definite al comma 5.
    4. I Comuni provvedono alla verifica dell’esatto pagamento del canone, dell’imposta regionale
    aggiuntiva, delle spese d’istruttoria di cui all’articolo
    8, comma 5, delle sanzioni amministrative conseguenti a violazione alle ordinanze balneari,
    nonché al contenzioso tributario .
    5. Per l’esercizio delle funzioni conferite è assegnato ai Comuni il 75 per cento dell’imposta
    regionale riscossa, delle somme introitate per sanzioni amministrative conseguenti a violazioni
    accertate dai Comuni alle ordinanze balneari e del contributo per spese di istruttoria.
    Art. 19
    (Norma finanziaria)
    1. Agli oneri rivenienti dall’applicazione delle presente legge si fa fronte, in termini di competenza
    e di cassa, mediante gli stanziamenti correnti dell’unità previsionale di base 04.04.01 “Settore
    demanio e patrimonio” sui seguenti capitoli, rispettivamente:
    IN USCITA:
    Capitolo 3431 “Art. 54 codice della navigazione - Anticipazioni per esecuzione di lavori di pristino su
    aree del demanio marittimo in danno del contravventore - Spese connesse – Spese di gestione e
    interventi diretti e/o per il tramite dell’Autorità militare” (collegato al capitolo in entrata 3062700)
    Capitolo 3690 “Spese per le funzioni amministrative in materia di demanio marittimo delegate alle
    Regioni – l.r. n. 17 del 23 giugno 2006” (collegato al capitolo in entrata 1018000)
    10576 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 79 del 27-6-2006
    Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 79 del 27-6-2006 10577
    Capitolo 3692 “Spese per l’elaborazione di studi e Piani di utilizzo e destinazione delle aree del
    demanio marittimo di interesse regionale – l.r. n. 17 del 23 giugno 2006, art. 3” (collegato al capitolo in
    entrata 1018000).
    IN ENTRATA:
    Capitolo 1018000 “Imposta regionale aggiuntiva, spese istruttorie, sanzioni conseguenti a violazione
    alle ordinanze balneari, relative alle concessioni di aree del demanio marittimo” (collegato ai capitoli
    in uscita 3690 e 3692 - l.r. n. 17 del 23 giugno 2006)” Capitolo 3062700 “Recupero somme anticipate per
    l’applicazione dell’articolo 54 per sanzioni amministrative conseguenti a violazioni accertate dai
    Comuni alle ordinanze balneari del codice della navigazione - Proventi rivenienti dalle violazioni
    alle ordinanze balneari” (correlato al capitolo in uscita 3431)
    TITOLO IV
    Art. 20
    (Abrogazione)
    1. Per tutto quanto non previsto dalla presente legge si applicano le disposizioni del codice della
    navigazione e del regolamento per l’esecuzione del codice della navigazione.
    2. Sono abrogate tutte le norme in contrasto con la presente legge, in particolare la legge regionale 4
    agosto 1999, n 25 (Norme di prima attuazione per l’esercizio delle funzioni amministrative delegate in
    materia di demanio marittimo ex legge 4 dicembre 1993, n. 494 e decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112).
    INDICE
    Titolo I – Principi generali e pianificazione
    Art. 1 (Oggetto e principi generali)
    Art. 2 (Pianificazione)
    Art. 3 (Piano regionale delle coste)
    Art. 4 (Piano comunale delle coste)
    Art. 5 (Funzioni della Regione)
    Art. 6 (Funzioni dei Comuni)
    Titolo II – Disposizioni generali
    Art. 7 (Sistema informativo del demanio – SID)
    Art. 8 (Domanda per la concessione)
    Art. 9 (Concorso di domande)
    Art. 10 (Rilascio e durata della concessione)
    Art. 11 (Obblighi del concessionario)
    Art. 12 (Revoca, decadenza e sospensione della
    concessione)
    Art. 13 (Affidamento in gestione - Sub-ingresso)
    Art. 14 (Autorizzazione ex articolo 55 codice della
    navigazione)
    Art. 15 (Vigilanza)
    Titolo III – Norme transitorie e finanziarie
    Art. 16 (Norme di salvaguardia e prime direttive
    per la predisposizione dei Piani)
    Art. 17 (Norme transitorie)
    Art. 18 (Riparto risorse economiche)
    Art. 19 (Norma finanziaria)
    Titolo IV
    Art. 20 (Abrogazione)
    La presente legge è dichiarata urgente e sarà pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione ai sensi e per
    gli effetti dell’art. 53, comma 1 della L.R. 12/05/2004, n° 7 “Statuto della Regione Puglia” ed entrerà in vigore
    il giorno stesso della sua pubblicazione.
    E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e farla osservare come legge della Regione Puglia.
    Data a Bari, addì 23 giugno 2006
    VENDOLA
     
    Ultima modifica di un moderatore: 28 Ottobre 2018
  24. cifineitifatta
    cifineitifatta Member
    Registrato:
    6 Maggio 2009
    Messaggi:
    15
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    vendola........


    (Modifica Admin: evitate polemiche politiche non costruttive, cifineitifatta sei avvertito, la prossima volta sarai bannato perchè il tuo comportamento non è gradito in questo forum)
     
  25. Umberto
    Umberto New Member
    Registrato:
    1 Luglio 2009
    Messaggi:
    1
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Salve a tutti, scrivo qui per la prima volta su questo forum per chiedere a voi che siete sul posto come stanno procedendo le cose. I miei genitori ed io abbiamo una casetta a Posto vecchio e quindi ci passo tutte le mie estati a Torre Vado. Le sorgenti sono una tappa obbligata prima di salire su a pranzo. I miei mi hanno detto che oggi dovrebbero continuare i lavori per la realizzazione dello stabilimento balneare perchè tutte le carte sono in regola. A voi cosa risulta? Inoltre, un'ultima domanda, se (spero di no, ma ammettiamo il caso) realizzano questo stabilimento, io posso andare alle sorgenti a farmi un bagno ogni volta che voglio? O devo pagare? Scusate le numerose domande, ma sono fuori, e quindi non so bene cosa stia succedendo lì a Torre vado. Se si è formato un presidio permanente di protesta, a voi va la mia piena solidarietà e mi dispiace non essere lì per dare una mano in concreto. Saluti, Umberto.
     
  26. daviden
    daviden New Member
    Registrato:
    7 Aprile 2009
    Messaggi:
    2
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Che infinita tristezza!
    Vedo che gli amministratori morcianesi, nati, vissuti e "pasciuti" a Morciano dimostrano ben poco rispetto verso i luoghi a loro cari (?) e verso chi amministrano (?).
    Beh, si vede che hanno imparato dai loro vicini di mare!!
    Come avevo già scritto a inizio anno in un altro post si vede tutta l'intenzione di trasformare la litoranea in una Rimini del Sud, privatizzando il più possibile senza nessuna cura nè interesse verso la bellezza naturale e selvaggia che spinge i turisti a visitare la Nostra Terra.
    Quando poi avrete finito di distruggere vediamo cosa vi rimane!!! Un'idea l'avrei ma è un forum pubblico e non voglio mettere in imbarazzo Pantaleo che gentilmente ospita i nostri commenti e avrà il suo bel da fare.


    Ma mi domando se è possibile realizzare uno stabilimento che a tutti gli effetti non permette più il passaggio da una parte all'altra della costa. Il bagnasciuga non è attrezzabile ma in questo caso non esiste nemmeno. E allora?

    E poi, non sarebbe il caso di denunciare il fatto al WWF ed eventualmente al ministero in quanto zona con caratteristiche naturalistiche particolari??

    da Torino, Davide N.

    P.s. Spero che quando scendo sia cambiata la giunta
     
  27. Pantaleo
    Pantaleo TorreVado.info Staff
    Registrato:
    28 Luglio 2003
    Messaggi:
    1.735
    Mi Piace Ricevuti:
    1
    Riferimenti

    riporto alcune informazioni pervenute - cronistoria sui permessi, non deve essere presa come una polemica ma come un informazione da raffinare, (vista la poca informazione che raggiunge i cittadini) è comunque un modo per calmare tutto il vocifero di questi giorni con notizie certe.
    Chiunque abbia informazioni certe e dimostrabili può inviarmi una mail per aggiornare tale prospetto.

    Provvedimento regionale 2001
    Delibera Giunta Regionale N.319/2001 in riferimento alla legge 494/93 che prevede la dotazione del piano coste per tutti i comuni.

    Comune di Morciano 25/11/2002
    Con delibera N.39 del 25/11/2002 approvazione del piano coste presentando una proposta (in quella situazione l'opposizione non si espresse)

    Comune di Morciano 2003/2004
    Nel 2003 una richiesta da parte di xxx
    Nel 2004 una richiesta da parte di xxx
    Entrambe le richieste sono poi decadute

    Comune di Morciano 28/03/2006
    Nel 2006 (data 28/03/2006) ul comune di Morciano di Leuca chiedeva l'autorizzazione a procedere all'istruttoria su istanza presentata dalla ditta XXX (progetto presentato nel 2005)

    Provvedimenti Regionali 2006

    Approvazione della legge regionale n.17/2006

    Comune di Morciano 05/02/2007
    Con nota N.20 del 05/02/2007 l'ufficio tecnico comunale esprimeva parere paesaggistico favorevole sul proggetto.

    Comune di Morciano 26/03/2008
    L'ufficio tecnico comunale rilasciava il permesso di costruire N.17/08

    Comune di Morciano 09/02/2009
    in data 09/02/2009 la ditta presentava la dichiarazione d'inizio attività.

    Comune di Morciano 16/02/2009
    In data 16/02/2009 il Comune comunica la sospensione del piano (senza alcun provvedimento ufficiale) e intima alla società di non avviare i lavori.

    Comune di Morciano 20/02/2009
    In data 20/02/2009 con delibera comunale N.3/09 il consiglio dichiarava la zona "Sorgenti" come di pubblico interesse caratterizzata dalla presenza di sorgenti di acqua dolce naturale e pertanto disponeva la sospensione del piano coste comunale

    Comune di Morciano 03/06/09
    Avverso a tale delibera la ditta XXX presentava ricorso al TAR il quale, in data 03/06/09 emetteva sentenza N. 458/09 accogliendo la domanda cautelare sospendendo l'efficacia del provvedimento impugnato

    Comune di Morciano 29/06/09 mattina
    La ditta XXX inizia i lavori di costruzione dell'area atrezzata in località sorgenti

    Comune di Morciano 29/06/09 mattina
    Il comune di Morciano ha emanato un ordinanza di sospensione dei lavori per ragioni di pubblica sicurezza visto il malcontento e l'insurrezione popolare.
     
    Ultima modifica: 28 Ottobre 2018
  28. cudimuzzo
    cudimuzzo Utente
    Registrato:
    26 Aprile 2006
    Messaggi:
    5
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    E del tutto inutile piangere sul latte versato, tanto per usare un eufemismo, ma considerato che tutti i documenti sembrano risultare in regola, le autorizzazioni rilasciate, non resta che abbandonarsi a laconiche critiche amari commenti e consigli del tutto inutili. Sicuramente i membri dei Consigli Comunali odierni e passati non hanno tenuto conto di un piccolo ma importante dettaglio, forse non frequentando e quindi poco conoscendo le spiagge destinate alla privatizzazione, infatti nelle spiagge interessate esisteva ed esiste un discreto numero di utenti grazie al fatto che si tratta di coste pianeggianti e di facile accesso attraverso le scalette del lungomare, e dunque in virtù di questo sarebbe stato opportuno segnalare disponibili alle concessioni quei tratti di costa che risultando inaccessibili a causa di mancanza di accessi dal lungomare o con costa di minime dimensioni sarebbero potute divenire ulteriori spazi fruibili da persone in cerca di posti esclusivi dove crogiolarsi al sole e bagnarsi in acque limpide, si tratta di due pezzi di costa che vanno esattamente dal bar Martinucci ad un po’ prima delle Sorgenti, e la costa antistante il Pelagus.
    Comunque spero solo che prevarrà il buonsenso e la logica , e sicuramente continuerò a fare i miei bagni di mare dove li ho fatti per 49 anni con o senza spiaggia attrezzata nessuno mi potrà impedire l’accesso al mare, ma se ciò dovesse verificarsi non resta che armarsi di marca da bollo e fare valere i nostri diritti.
     
  29. daviden
    daviden New Member
    Registrato:
    7 Aprile 2009
    Messaggi:
    2
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Allora, vista la sequenza inviata da Pantaleo ammetto che l'amministrazione si sia ravveduta. Ma il danno ormai è fatto, forse.
    A mio parere bisognerebbe vedere cosa il TAR ha detto.

    Se si è basato sull'opinione "dell'ufficio tecnico comunale che esprimeva parere paesaggistico favorevole sul progetto" bisognerebbe capire se l'ufficio tecnico è abbastanza competente a proposito (e vista la valenza naturalistica delle Sorgenti, parrebbe proprio di No).

    Purtroppo non sono un avvocato ma è come se il comune di Vernole dicesse che le "Cesine" non hanno una grande valenza paesaggistica e/o naturalistica e allora si può spianare e fare uno, dieci, cento stabilimenti balneari.
    Chi si può muovere per fermare la sentenza?

    A questo punto il comune deve correre ai ripari e trovare il modo di fermare i suoi danni.

    Intanto vedo di mobilitare più gente possibile su Facebook e altro....

    Davide N.
     
  30. Luigi80
    Luigi80 Member
    Registrato:
    10 Marzo 2008
    Messaggi:
    6
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    La Difesa Delle “sorgenti” : Un’occasione Per Riunirsi O Un Pretesto Per Rimanere Divisi?

    In questi giorni la stampa ha dato giusto rilievo alla protesta popolare contro il tentativo di compiere un obbrobrio e un grave tradimento ai danni di uno scorcio del Paradiso salentino: LE SORGENTI di TORRE VADO. L’ angolo di favola, il gioiello della natura, dove l’acqua sorgiva pura e ricca di salutari minerali zampilla a fior di mare, prima di mescolarsi allo stesso.
    I Morcianesi, orgogliosi del loro territorio, sono scesi in campo a presidiare notte e giorno gli scogli contaminati da tubi di ferro e lastroni di legno.
    E, se è vero che nei momenti di crisi emergono le qualità degli individui e delle collettività, questo spontaneo e irrefrenabile movimento di difesa, questa risentita ribellione ai soprusi lo conferma.
    Perché, se qui, nel Sud Salento, non ci sono le infrastrutture e la ricchezza economica di altre parti del paese , tuttavia non mancano una tradizione culturale, fatta di laboriosità ed impegno e le risorse naturali che possono aprire il territorio a nuove vocazioni e prospettive. Come le nostre SORGENTI, appunto, i nostri scorci naturali intatti, le nostre campagne con gli oliveti secolari, i muretti a secco, le paiare, dove tutto trasuda ancora l’ onestà, la pulizia, la pace operosa di tante generazioni.
    E’ questo paesaggio dolce e armonioso, questo ambiente pulito e sereno, questo clima naturale, fatto di onesti pensieri e di pace conviviale, la nostra vera importante tradizione da conservare e difendere, la vera grande ricchezza, che incanta il turista, lo seduce, lo contagia, lo libera dallo stress della città e dalla routine quotidiana, assicurandogli quella vacanza rigenerativa, che altri luoghi più rinomati, ma più caotici e frenetici non possono più dare.
    E, allora, perché lasciarci andare, anche nell’ora della comune, legittima protesta a divisioni, accuse reciproche, invettive, odi repressi, che possono solo indebolirci e lasciarci sconfitti ed avviliti? Perché non rispettare la nostra secolare tradizione, fatta di rispetto reciproco e di ricerca del BENE COMUNE? Perché non riprodurre nei nostri comportamenti la fisionomia del nostro paesaggio sereno, equilibrato, pacifico? Perché trasformare un presidio di gente unita in un luogo di snervanti litigi e di inutili polemiche, che certamente non giovano né alla soluzione del problema, né all’immagine di questa terra e della sua gente?
    A che pro, insomma, da parte degli uni o degli altri, tentare di appropriarsi di una battaglia e di una volontà che è di tutti?
    Giuliana Pisanello
     
  31. nonnapapera
    nonnapapera Well-Known Member
    Registrato:
    13 Giugno 2009
    Messaggi:
    49
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    festeggiando...

    (Modifica admin: non penso che questo tipo di umorismo giovi alla causa, cerchiamo di non rendere tutto politica)
     
  32. antonello
    antonello Utente
    Registrato:
    11 Febbraio 2003
    Messaggi:
    94
    Mi Piace Ricevuti:
    0
  33. nonnapapera
    nonnapapera Well-Known Member
    Registrato:
    13 Giugno 2009
    Messaggi:
    49
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    nn è politica

    è la realtà dei fatti, ragazzi... per risolvere un problema, bisogna trovare la causa... altrimenti è inutile...
     
  34. Ieu solu ieu
    Ieu solu ieu Active Member
    Registrato:
    24 Maggio 2009
    Messaggi:
    26
    Mi Piace Ricevuti:
    0
  35. Pantaleo
    Pantaleo TorreVado.info Staff
    Registrato:
    28 Luglio 2003
    Messaggi:
    1.735
    Mi Piace Ricevuti:
    1
    evitate le polemiche, ci è stato assicurato che saranno pubblicate tutte le documentazioni disponibili.
    Saluti a presto
     
  36. Pantaleo
    Pantaleo TorreVado.info Staff
    Registrato:
    28 Luglio 2003
    Messaggi:
    1.735
    Mi Piace Ricevuti:
    1
    video - UNO STABILIMENTO SULLE SORGENTI a TorreVado (Lecce)

    UNO STABILIMENTO SULLE SORGENTI a TorreVado (Lecce)

     
    Ultima modifica: 28 Ottobre 2018
  37. ilbaronerampante
    ilbaronerampante New Member
    Registrato:
    14 Giugno 2009
    Messaggi:
    4
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    "Non è il caso di fare commenti" ? Questo penso sia un forum dove, con il massimo rispetto per l'interlocutore, si possa esprimere il proprio punto di vista e dunque fare un commento.
    Se io fossi stato uno degli amministratori degli ultimi cinque anni sarei interveuto nella discussione per raccontare quello che IO ho fatto in merito al problema, poi probabilmente avrei fatto cenno degli errori degli altri.
     
  38. pacorabanne
    pacorabanne Active Member
    Registrato:
    30 Giugno 2009
    Messaggi:
    29
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    stabilimento balneare sopra le sorgenti.
    riporto quanto la segreteria dell'assesorato all'ecologia della regione assessore( Minervini)
    scrive testualmente:
    in forza della legge regionale per la tutela delle coste, il comune ( sindaco) ha l'autorità e la competenza per revocare la conessione.
    pacorabanne
     
  39. pacorabanne
    pacorabanne Active Member
    Registrato:
    30 Giugno 2009
    Messaggi:
    29
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    mi stò adoperando in qualità di turista agostiano e innammorato delle coste salentine,
    affinchè non vada in porto la costruzione sopra le sorgenti.
    sarebbe però anche il caso di trovare il sistema di tenere pulita la spiaggia libera in questione. in agosto si trova di tutto.
    a milano e dintorni viene dedicato un giorno alla pulizia dei parchi, letti dei fiumi etc etc. da privati cittadini, armati di guanti e sacchi della spazzatura. e chiunque appartanenti a tutte le clasi sociali bambini compresi si adoperano a pulire.
    senza vergogna.
    perchè non seguire l'esempio'
    PACORABANNE
     
  40. capodileuca
    capodileuca Utente
    Registrato:
    27 Dicembre 2002
    Messaggi:
    280
    Mi Piace Ricevuti:
    0
     
    Ultima modifica di un moderatore: 28 Ottobre 2018
  41. pacorabanne
    pacorabanne Active Member
    Registrato:
    30 Giugno 2009
    Messaggi:
    29
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Errata Corrige "conessione" Sta Per Concessione
     
  42. morcianoviva
    morcianoviva Member
    Registrato:
    4 Maggio 2009
    Messaggi:
    11
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Don Chisciotte

    Guardando Gli Ultimi Video Mi Rendo Conto Sempre Di Piu' Che C'e' Chi Ha Fatto E Continua A Fare Solo Battaglie Contro I Mulini A Vento Senza Alcun Risultato Se Non Quello Di Andare Contro Il Paese Mentre Oggi I Nostri Amministratori Devono Essere Compatti Nel Solo Ed Unico Tentativo Non Di Trovare Il Capro Espiatorio Ma Di Risolvere Il Problema.
    Una Volta Risolto Il Problema Chi Ha Sbagliato Verra' Fuori .
    Chi Invece Ora Fa Solo Rumore Purtroppo Continuera' A Farlo Come Al Solito In Ogni Circostanza Senza Alcun Bene Per Il Paese.
     
  43. pacorabanne
    pacorabanne Active Member
    Registrato:
    30 Giugno 2009
    Messaggi:
    29
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    A Morcianoviva,
    Bene, Ora E' Il Momento Buono Per Verificare Se I Vostri Politici Fanno Gli Interessi Della Popolazione O Pensano Solo Ai Loro Posti, Ottenuti Grazie Ai Vostri Voti.
    Pacorabanne

    P.s. Non E' Polemica, Purtroppo E' Consuetudine Senza Tema Di Smentita.
     
  44. morcianoviva
    morcianoviva Member
    Registrato:
    4 Maggio 2009
    Messaggi:
    11
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Per il paese

    Beh spero proprio che facciano i nostri interessi e che facciano smantellare la struttura.
    Il mio pensiero va però a chi è in grado solo di litigare e di buttare benzina sul fuoco sempre e comunque in questa come in tante altre occasioni.
    Di sicuro è facile fare baccano e mettersi in mostra come il Paladino della Giustizia... Ben altra cosa è rimboccarsi le maniche e lavorare con tutti al di la del colore di partito.
    Io la penso come te Pacorabane non voglio alcuna spartizione di poltrone ma mi auguro solo il bene del paese.
     
  45. opposizione
    opposizione Well-Known Member
    Registrato:
    4 Luglio 2009
    Messaggi:
    71
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Consiglio Comunale Aperto - Sorgenti Torre Vado

    Il Gruppo di Minoranza
    Comunica di essere in possesso della documentazione ufficiale relativa alla questione sorgenti e di aver chiesto in data 01/07/2009 la convocazione di un Consiglio Comunale Aperto, perché ritiene che la sede istituzionale sia la migliore per far presenti le considerazioni che a riguardo l'opposizione farà.
    Quindi, l'opposizione si sta attivando perché, sempre in sede istituzionale, si possono evidenziare eventuali responsabilità e successive proposte di soluzione.

    Il Gruppo di opposizione

    N.B. Consiglio Comunale Aperto = Possibilità di intervento da parte dei cittadini