Tu Non Conosci Il Sud!

  1. Salvese
    Salvese Member
    Registrato:
    13 Agosto 2012
    Messaggi:
    22
    Mi Piace Ricevuti:
    0
    Programma di visite guidate a cura dell’Associazione Archès, con il patrocinio del Comune di Salve


    1. AI PIEDI DI UN FARO FINISCE IL SALENTO (MARTEDì)
    Ci ritroviamo sul punto più alto di Santa Maria di Leuca, Punta Meliso, dominato dal faro che si erge a oltre 100 metri s.l.m.. Visitiamo il Santuario di Santa Maria de Finibus Terrae, ci affacciamo sul Belvedere e scendiamo dalla scalinata che ci conduce verso il porto e poi sul lungomare, dove lo sguardo è subito catturato dai colori sgargianti delle ville ottocentesche e delle loro bagnarole.
    Concludiamo la visita sul promontorio occidentale di Leuca, Punta Ristola, dove si apre Grotta Porcinara, antico santuario costiero luogo di scambi tra Greci e Messapi.
    Ritrovo: Piazza antistante il Santuario

    2. ARCHEOLOGIA E CIVILTÀ CONTADINA DEL TERRITORIO DI SALVE (MERCOLEDì)
    Vi conduciamo in un viaggio nel tempo alla scoperta di importanti siti archeologici (grotte preistoriche, dolmen, tumuli funerari, antichi centri abitati) e delle più significative manifestazioni architettoniche relative alla civiltà contadina del territorio di Salve.
    Ritrovo: area antistante la chiesa di Pescoluse.

    3. SULLA STRADA CAMMINA UN PELLEGRINO (GIOVEDì)

    Ripercorriamo l’antica via dei Pellegrini, dal Complesso di Leuca Piccola (Barbarano) al Santuario di Santa Marina (Ruggiano), importanti luoghi di culto e di ristoro per i fedeli in pellegrinaggio verso Santa Maria di Leuca. Concludiamo il percorso a Salve, con la visita al frantoio ipogeo e all’organo più antico funzionante della Puglia.
    Ritrovo: Complesso Leuca Piccola di Barbarano

    4. SQUASSATE LE BARCHE, LA’ RIMASERO FONDANDO LA CITTA’ DI HYRIAE (VENERDì)
    Visitiamo l’importante chiesa medievale di San Giovanni Battista e il monumento noto come Centopietre, unico nel suo genere. Proseguiamo sulla collina di Vereto, che ospitava un’importante città messapica e ci fermiamo presso la cappella della Madonna di Vereto. Vediamo antiche mura messapiche e numerosi monumenti della civiltà contadina (aje, pajare, liame, ecc.) dislocati lungo il percorso, che si svolgerà a passo lento.
    Ritrovo: Piazza XX settembre Patù.
     

Condividi questa Pagina