Aradeo | TorreVado.info

Le origini di Aradeo sono antiche, come testimonia anche il fatto che qui i vecchi parlano ancora un dialetto greco, nonostante che il paese non faccia parte del gruppo di paesi appartenenti alla Grecia Salentina.

 

Di tale antica origine non rimane nulla a livello di testimonianze o reperti artistici archeologici o architettonici.

aradeo

Il nome è un chiaro riferimento alla devozione dei suoi abitanti, “altare di Dio”, e lo stemma della cittadina che ritrae un altare con calici e candele è ancora più evocativo in questo senso.

In questo bel paese immerso tra i vigneti ci sono diversi edifici signorili e qualche monumento religioso che meritano una visita.

Tra i primi di sicuro interesse è il Palazzo Grassi, costruito nel sedicesimo secolo probabilmente su una struttura preesistente. Ha una facciata sobria ma elegante ed all’interno la Colonna Votiva di San Giovanni.

Un altro palazzo della stessa epoca, che domina il centro cittadino è il Palazzo Baronale anch’esso dalla facciata sobria ma imponente.

Tra gli edifici religiosi da citare la Chiesa dell’Annunziata, interessante monumento dove si presentano stratificazioni di diversi interventi, settecentesca la struttura su un preesistente edificio del 1400, all’interno si trova un prezioso altare barocco.

Interessante anche la cappella dedicata a San Nicola di Myra, un’opera votiva probabilmente risalente al sedicesimo secolo, con un affresco dedicato al santo sulla parte di fondo.

Nel rione Santa Caterina chi si addentra tra vicoli e stradine avrà l’opportunità di vedere diverse case a corte, tipico edificio urbano delle città medievali salentine, alcune delle quali sono visitabili fin nell’interno.

Ultima modifica:

Condividilo con i tuoi amici:


E tu, cosa ne pensi?