Surbo | TorreVado.info

Surbo è citata in documenti risalenti alla seconda metà del 1100 ma sicuramente il suo territorio era abitato sin dalla più remota antichità, come dimostrano il ritrovamento di reperti datati al dodicesimo secolo Avanti Cristo, oggi conservati al museo archeologico di Taranto, che dimostrano una forte presenza di civiltà locali ma anche contatti con le popolazioni provenienti dalla Grecia.

 

le-nostre-bellezze

Surbo ha una vicenda storica strettamente legata a Lecce, con cui confina e da cui per molti versi è stata assorbita nell’espansione urbana del capoluogo salentino.

Dell’antico passato di feudo resta il Palazzo Baronale, attualmente di proprietà privata e non visitabile se non per la parte esterna.

Tra i monumenti religiosi da citare la Chiesa di San Giuseppe o della Natività di Maria Santissima, opera del seicento, con un interessante altare scolpito di epoca seicentesca circondato da statue di santi e dipinti sacri. La Chiesa Matrice, o Chiesa di Santa Maria del Popolo, di impianto architettonico rinascimentale ma più volte ritoccata con orpelli di epoca barocca che negli ultimi restauri eseguiti negli anni ’90 sono poi stati rimossi. All’esterno la cinquecentesca torretta dell’orologio ed il campanile coevo.

Nei dintorni assolutamente da non mancare una visita alla Abbazia di Santa Maria di Cerrate, un vero e proprio gioiello di architettura romanica che conserva interessanti dipinti al suo interno, un pozzo monumentale arricchito da colonne e fregi, nonché un portale di ingresso notevole per eleganza.

All’interno dell’abbazia è ospitato il Museo delle Tradizioni Popolari, da non perdere se si vuole approfondire la conoscenza della tradizione agraria della popolazione salentina nel corso dei secoli.

Ultima modifica:

Condividilo con i tuoi amici:


E tu, cosa ne pensi?