Lu core meo stà sempre ddrà cu tie - 1987 | TorreVado.info

Articolo: Lu core meo stà sempre ddrà cu tie
Dal supplemento di “Notizie morcianesi” del 15 Novembre 1987 – Pagina 3

Nu giurni de gennaio su partutu
cu la valigia vecchia e scungignata
era cuntetu, cusì ieu me cridia,
ca la vita mia era cangiata.

Me ne scia de lu paese meo
ca nenti me sapia dare cume dive
e facia na vita come nu babbeo
e no tania n’avvenire pertu.

Poi su rravatu a stù paese novu
ca me cridia ca era nu gioiellu,
ma dopo anni de vita ieu me trovu
culla machina sì, ma no cchiù bellu.

Me apre ‘stu paese friddu e senza core
ca sa manciata la giovinezza mia,
ma dati si li sordi e nu tenore,
de vita ca no piace a casa mia.

La sira quannu vardamo la televisione
sentimo parole ca no su le noscie,
e allora ne vardamu cu passione
le carni noscie ca su proprio flosce.

e pansamu cu tanta nostalgia;
quanto me piaci moi ca stai luntana,
come vulia cu sto cu signoria,
pure ca fiata la fridda tramontana,

Vulia cu stò alla Turre, cu li visciu,
la culonna, la villa, Santa Lucia,
vulia cu sto pe sempre ieu me crisciu,
sulu ci tie, cara MURCIANO MIA.

Giovanni Greco

Ultima modifica:

Condividilo con i tuoi amici:


E tu, cosa ne pensi?