Morciano tra passato e presente - Notizie Morcianesi | TorreVado.info

Articolo: Morciano tra passato e presente
Dal supplemento di “Notizie morcianesi” del 26 Ottobre 1986 – Pagina 4

Prossima una pubblicazione a cura dei “storici” locali.

Da molto tempo e da più parti si è sentita la necessità di mettere a disposizione della comunità di Morciano di Leuca, una comunicazione specifica inerente il proprio evolversi economico, sociale e culturale attraverso una indagine in prospettiva, che abbracciasse non solo l’età moderna e contemporanea, ma anche l’età antica e medievale.

Ora questo messaggio, questa naturale e piccola aspirazione della nostra società sono stati raccolti da un gruppo di cittadini (il prof. C. D’Aquino, A. Simone, prof. F. orlando, responsabile della biblioteca comunale, e il sig. A. Borrello dirigente l’ufficio demografico) i quali hanno dato vita a un comitato per la realizzazione, senza pretese ma organica, di una pubblicazione che soddisfacesse le giuste richieste dei cittadini.

E’ loro precisa intenzione di non avvalersi di alcuni storici improvvisati, che pure nel rispetto del loro impegno, tanto hanno detto e tanto hanno scritto, però con frammentarietà e con beneficio d’inventario; ma di portare a termine un lavoro di ricerca storica, demografica, sociale e politica, esclusivamente rivolta alle testimonianze monumentali ed epigrafiche esistenti, con razionalità e scientificità.

I suindicati signori, consapevoli che l’onere assunto non è poi tra i meno gravosi, e che la sua realizzazione non sarà a breve termine, auspicano nell’espletamento del loro impegno, la sensibilità e la collaborazione spontanea e immediata di tutte le Agenzie culturali e sociali nelle molteplici diversificazioni non solo del luogo, ma dell’intero territorio provinciale.

Certi di soddisfare la sete di sapere non tanto degli stagionali concittadini e degli occasionali visitatori, quanto dei propri conterranei, augurano a sé stessi buon lavoro e costante impegno.
Il Comitato.

Ultima modifica:

Condividilo con i tuoi amici:


E tu, cosa ne pensi?