Pizzica: U Santu Paulu

Canto di guarigione, questo brano è una pizzica tarantata dove invoca la grazia del santo per il subito morso della taranta, il brano si conclude con la rievocazione del morso stesso.

Lu Santu Paulu meu te le tarante,
ca pizzichi le fimmine a 'mmenzu l'anche.
Lu Santu Paulu meu te li scurpiuni
ca pizzichi li masculi a li cuiuni.
Lu tamburreddrhu meu vinne te Roma
ca me la nnuttu nà napulitana.
Ballati caruseddhi a cucchia cucchia
ca la donna sè luntana l'ommu cucchia.
Ballati ca tiniti le scarpe nove,
le mie su vecchie nu pozzu ballare.
Beddhu ci balla moi, beddhu ci balla
ca balla nu cardillu e na colomba.
Lassatila ballare ca è tarantata
ca porta na taranta sutta lu pete.
Lu tamburreddrhu meu vinne te Roma
cu rame e senza rame ca sulu sona.
Ci viti ca se cotula lu pete
quiddhu e lu segnu ca ole ballare.
Ci è taranta lassala ballare
ci è malincunia cacciala fore.

Cerca alloggio
(Ricerca Avanzata)
Cod. o Nome Alloggio
meteo
Torna su