Frantoi Ipogei e antichi granai Messapici - Morciano

La civiltà di Vereto ha lasciato il segno in tutta l’area dimostrando con le costruzioni quella che è stata un’attivitàFrantoio Ipogeo Morciano redditizia nella coltivazione dell’ulivo e del grano. Ciò è ben visibile in quelli che sono i frantoi ipogei e i granai nel sottosuolo di Morciano, costruiti scavando la dura roccia. Frantoi e granai sono stati rinvenuti per caso inseguito a lavori d’opere pubbliche fin dal 1917, anche se, il luogo dove questi sono ubicati è conosciuto come via delle Cisterne. Il più antico, del periodo messapico è quell’antistante Palazzo Cacciatore, casa Corciulo e Chiesa Madre, all’interno una grossa ruota di calcare testimonia il suo passato, probabilmente usato fino al’700-‘800. Di grandi dimensioni il trappeto presente tra Castello e Via Castromediano, imponente quello tra via Nuova e via Roma, un altro è situato tra Via Pace e Largo S. Giovanni. Ancora di trappeto si tratta quello posto all’ingresso laterale del Palazzo Municipale, poi ancora altri due frantoi poco distante testimoniano la loro storia. Con la riqualificazione del centro storico dell’estate 2006 altri silos e frantoi ipogei sono emersi, 26 tondini ne segnalano la presenza. Molti degli stessi conservano ancora la chiusura originale, alcuni per volontà dei proprietari saranno fruibili a lavori ultimati.

Frantoio Ipogeo Morciano di Leuca


Cerca alloggio
(Ricerca Avanzata)
Cod. o Nome Alloggio
meteo
Torna su