Oggi presentiamo un’altro lavoro intitolato ” LI CUNTI E LI PRUVERBI” realizzato da SCUOLA SECONDARIA 1° GRADO – MORCIANO di Leuca A.S. 2006/2007

Prima WebCam su Torre VadoCi raccontano i nostri nonni, e più di loro i nostri bisnonni, che nelle
fredde sere di inverno, vicino al camino e, nelle calde sere d’estate,
seduti al fresco nel cortile o sugli usci di casa, erano soliti raccontare, ai
propri figli e nipoti, proverbi, racconti, culacchi ed espressioni del gergo
contadino, che oggi pochissime persone conoscono.
Il presente lavoro vuole offrire uno spunto per “incuriosire”, soprattutto le
nuove generazioni, così come facevano i nostri nonni, che attraverso
questi mezzi espressivi hanno trasmesso ai propri figli la saggezza e la
semplicità del mondo contadino e rurale.
Abbiamo scelto di presentarvi sia i proverbi che i racconti in dialetto,
perché siamo convinti che nella traduzione perderebbero quella incisività
ed efficacia proprie del vernacolo.
BUON DIVERTIMENTO!

-Furese fruttu de ogni
mese
Quannu manca la vulia,
povareddha la casa mia
pane e oju giusto a tavola
te santu vitu se pare
l’ulivitu

-Fenca alla bara, sempre se mpara

-De Pasca bifania tutte le feste vannu via.

-Rispunne Santu Pati: e a mmie cci mme llassati?
Rispunne la Cannalora: nci su jeu ancora.
Rispunne San Giovanni: Nci su jeu cu li cosi ranni!

-Pasca e Natale falli cu cci voi, l’ultimi giurni falli cu lli toi.

-De Santa Lucia ncurtisce la dia quantu la pulla de pede stennia

-L’acqua de Febbraru inchie lu panaru
Luna de febbraru mamma de vannigna
Febbraru sciutti erva dappertutto.
Se Febbraru trova l’annata è bona.
De la candelora de l’invernu simu fora:
ma se bbonu lu voi contare, giunci n’autru
quarantale.
Acqua de giurnu ruvina lu
munnu
Acqua de agostu ruvina lu mustu
A Santu Larenzu lu noce è menzu
De Santa Marina la mennala è china
Sparagna la farina, quannu la mattra è china.
Le parole su comu le foie: ci le simmana le ccoie.
Li guai de la pignata, li sape la cucchiara ca li vota.

Nel Pdf di seguito linkato troverete anche:

– Li sette catti ca diventarane macare
– LI poppiti
– E… tre pisci piarane pe fessa nu ristiianu
– Lu ciucciu te lu falice
– Nc’era na fiata na furmichedda
– me vene sempre alla mente nu ricordu luntanu luntanu

Qui il lavoro integrale da scaricare

Ringraziamo i ragazzi della SCUOLA SECONDARIA 1° GRADO – MORCIANO di Leuca A.S. 2006/2007 per il magnifico lavoro, L’istituto Comprensivo Statale Salve e il Comune di Morciano di Leuca per l’autorizzazione alla Pubblicazione.

Seguiteci domani con le prossime uscite

Ultima modifica:

Condividilo con i tuoi amici:


Articoli correlati


2 Responses to “Cunti e proverbi nel Salento”

    Idea Geniale…
    Dico idea geniale perche fa piacere quanto avete publicato.. mà non e facile legere il diadetto…
    si e vero quando ero ragazzino sti proverbi erano all’ordine del giorno con i nostri Nonni.
    e qualcuno di questi me li ero pure dimenticati Grazie..una cosa che ricordo sempre mia Nonna diceva sempre .. manu-mane / e nu stersu / Mancia paseddi cusi te ntostene li carcagni..espressioni e parole dialettali stupende che non sono piu nel nostro vocabolario. i tempi sono cambiati, se qualche volta vengono alla mente le ricordo con piacere direi pure con un po di nostalgia..ancora GRAZIE.
    Nicola Simone.

    tutto bellissimo ma vi darei un consiglio per chi legge da fuori provincia, forse sarebbe meglio fare la traduzione in italiano a fianco e magari farli incuriosire e s un giorno verranno a visitare la nostra terra potranno constatare di persona il nostro dialetto………………………………………………….cmq bravi

E tu, cosa ne pensi?