Coste e mare del Salento - Guida del Salento parte XII | TorreVado.info

Il Salento, sin dall’antichità è stato riconosciuto per la sua caratteristica di essere un lembo di terra circondato dal mare, ad est il Mare Adriatico ed a ovest il Mar Ionio. Tanto che il territorio, durante l’epoca greca e romana aveva avuto l’appellativo di Messapia, un termine di derivazione greca che significava appunto “Terra tra due mari”.

Il mare è sempre stato, per le popolazioni salentine, sia quelle locali che quelle che vi si sono insediate nel corso dei millenni un elemento indispensabile ed onnipresente nello sviluppo, sia dal punto di vista economico che culturale che sociale.

Anche oggi, se vogliamo, è grazie al mare che il Salento gode di quella notorietà che l’ha fatto diventare, nel corso degli ultimi decenni del XX secolo, una delle mete privilegiate del turismo balneare, sia per gli italiani, si per gli stranieri.

costa-prima-di-otranto-by-m

La particolare posizione del territorio ha creato la magia di un panorama di spiagge e scogliere la cui caratteristica principale è quella di essere limpide e cristalline, perennemente pulite dall’azione delle correnti marine, che corrono soprattutto all’interno del Canale d’Otranto e da Capo Leuca risalgono lungo la costa ionica.

Questo è stato uno dei motivi per cui molte delle località salentine, nel corso degli ultimi anni e talvolta ripetutamente anno dopo anno, hanno conquistato i prestigiosi premi internazionali della Bandiera Blu e nazionali della Goletta Verde di Lega Ambiente.

Spiagge interminabili e scogliere a picco, l’appassionato di mare troverà in Salento ricchissime e variegate configurazioni paesaggistiche, tali da soddisfare ogni esigenza.

Ci sono località come Pescoluse Salento sulla costa ionica, o le spiagge dei Laghi Alimini a nord di Otranto, che anzi possono evocare senza presunzione le magnifiche spiagge caraibiche che siamo soliti ammirare nelle foto di opuscoli e depliant delle agenzie turistiche e dei tour operator. Ed anche per chi preferisce il panorama più aspro e selvaggio delle scogliere troverà qui quello che cerca, per esempio lungo la costa di Capo Leuca, a Castro, a Porto Badisco.

Sorvegliate a vista dall’immancabile presenza di una torre di guardia, da secoli erette a sentinelle sul mare irto di pericoli, le coste, sabbiose o rocciose del Salento sono uno spettacolo da non perdere.

E se la costa salentina è sinonimo di pulizia e bellezza altrettanto lo sono i fondali marini, che fanno la gioia degli appassionati di immersioni. In alcune aree, come a Porto Cesareo, tale bellezza è racchiusa all’interno di una riserva naturale per preservarne la genuinità e l’unicità.

Per le vostre vacanze sulle coste salentine scegliete una delle case vacanze in affitto nel Salento

Ultima modifica:

Condividilo con i tuoi amici:


Articoli correlati


One Response to “Coste e mare del Salento – Guida del Salento parte XII”

  • fabio

    Un’altra spiaggia molto mediterranea con dune altissime è quella di Punta Prosciutto a Porto Cesareo. E’ una favola, niente da invidiare ad altre spiagge blasonate dei tropici!

E tu, cosa ne pensi?