Nardò | TorreVado.info

Nardò concentra in se alcune delle caratteristiche che fanno del Salento una terra indimenticabile per la sue ricchezze architettoniche e paesaggistiche, nonché per il bellissimo litorale che si può raggiungere in pochi chilometri dal cuore della città.

  

Nardò sorge nell’entroterra salentino, in un paesaggio rurale che è una festa di rigogliosi uliveti, tra i quali improvvidamente sorge a cittadina con il suo corredo artistico, come la splendida Piazza Salandra, un esempio di scenografia barocca di grande eleganza, e vanto dei cittadini di Nardò, sulla quale si affacciano i palazzi seicenteschi riccamente decorati, che sembrano a loro volta ammirare lo splendore della facciata della Cattedrale, monumento nazionale, alto esempio di architettura gotico romanica, che al suo interno conserva una serie di pregiate opere d’arte, affreschi ed un crocefisso ligneo particolarmente famoso, “il Cristo Nero”.

stemma-di-nardd185

Altro esempio di arte barocca la Colonna che troneggia sempre nel cuore di Piazza Salandra, dedicata alla Madonna e l’edicola dell’Osanna, strano connubio di arte barocca con influenze orientaleggianti.

Non mancano monumenti d’epoca più antica, come il Castello del XV secolo.

Nardò non è solo architettura ed arte ma anche mare e vacanze, ed il paesaggio costiero è altrettanto affascinante del centro storico, con le belle insenature rocciose di Santa Maria al Bagno e Santa Caterina, mentre per chi preferisce le spiagge si può avventurare poco lontano verso le splendide distese di sabbia che caratterizzano il litorale di Torre Inserraglio e Torre Sant’Isidoro.

Da non dimenticare la bellezza paesaggistica della Palude del Capitano e dello splendido Parco Naturale di Portoselvaggio, una pineta di notevoli estensioni che improvvisamente si apre davanti ad un tratto di mare incontaminato.

Ultima modifica:

Condividilo con i tuoi amici:


Articoli correlati


E tu, cosa ne pensi?