Chiesa Madre Morciano di Leuca e Tombe

La Chiesa Parrocchiale di Morciano di Leuca nasce intorno ai primi anni del 1500 visto che il portale d’ingresso è datato e firmato 1576 Giovanni Maria Tarantino, sicuramente su una preesistente costruzione, edificato come Ospedale per il rifugio in caso d’attacco turco. La facciata si presenta modulata e leggera grazie alle due colonne riccamente decorate a rilievo sormontate da una ricca trabeazione triangolare, in alto il longilineo Campanile del 1775. La chiesa è a tre navate suddivise da due file di colonne quadrate, le ultime due sono legate da un arco a sesto acuto; l’altare a sinistra è l’esempio di barocco provinciale con colonne tortili e decorazioni floreali. All’interno delle tele del periodo manieristico e secentesco decorano gli altari, ai lati dell’abside due affreschi: la Vergine con Bambino e S. Michele che trafigge il male. Inseguito alla riqualificazione del centro storico due gruppi di tombe sono emersi, proprio adiacenti alla Chiesa Parrocchiale, forse un’unica area necropolita. Queste risalirebbero al periodo Medievale tra XIIXIV secolo; si contano 72 tombe, di cui quattro riferibili ad infanti, molte mancanti di lastroni di copertura; solo due hanno ancora la chiusura in carparo. Alcune sono rovinate fino al piano d’appoggio del defunto, le sepolture sono lunghe 170-200 ca., larghe 40cm e profonde 45 cm.; quattro tombe non superano il metro di lunghezza. L’intera area sarà coperta a strati da un geotessuto in ghiaia e calcestruzzo per finire con il basolato.

Chiesa Madre Morciano di leuca
Cerca alloggio
(Ricerca Avanzata)
Cod. o Nome Alloggio
meteo
Torna su